• #ValoreCondiviso
    Da cacciatori a giardinieri

    Rossella Sobrero
    Rossella Sobrero
    Postato il 9 Febbraio 2017

    Se l'adv continua a percorrere strade tradizionali, la gestione delle relazioni con gli stakeholder sta cambiando anche grazie a piattaforme che facilitano il dialogo e il confronto. Oggi chi comunica non può più considerarsi un cacciatore che deve colpire un target ma un bravo giardiniere che sa coltivare le relazioni. La riflessione di Rossella Sobrero per la rubrica #ValoreCondiviso.

    Rubrica editoriale | Commenti (0)



Per un’organizzazione valorizzare l’impegno sociale e ambientale diventa sempre più strategico. E per farlo ha bisogno di comunicare in modo corretto, continuativo, efficace con i propri stakeholder.

Il ruolo delle Relazioni Pubbliche diventa quindi importante: se la comunicazione pubblicitaria continua a percorrere strade tradizionali, la gestione delle relazioni con gli stakeholder sta cambiando e si sperimentano modalità innovative anche grazie a piattaforme che facilitano il dialogo e il confronto.

Molte imprese hanno capito che avviare un confronto serio con i portatori di interesse migliora la collaborazione e contribuisce ad aumentare il livello di competenza e conoscenza dell’organizzazione. Far entrare l’opinione degli stakeholder nell’impresa significa aprirsi a nuove opportunità: non solo stimoli utili al rafforzamento della catena del valore ma aumento del capitale relazionale e del livello di fiducia.

La pratica dello stakeholder engagement – strumento di ascolto, dialogo e coinvolgimento – ha portato in molti casi a migliorare la qualità nei rapporti e ad avviare partnership innovative. Un approccio nuovo che contribuisce al rafforzamento dei piani di sviluppo in una logica di collaborazione e non di contrapposizione dove l’organizzazione si confronta sui temi significativi, si mette in discussione, supera l’autoreferenzialità.

Oggi chi comunica non può più considerarsi un cacciatore che deve colpire un target ma un bravo giardiniere che sa coltivare le relazioni.

Commenti