• Il successo di un vino: questione di qualità, territorio o comunicazione?

    Una tavola rotonda per discutere di comunicazione, relazioni pubbliche e branding nel settore enologico: protagonista domenica 19 novembre a Teolo, la delegazione Ferpi Triveneto.

    09/11/2017 | Eventi | Commenti (0)

    di Redazione



 

Il vino è un’eccellenza italiana riconosciuta in tutto il mondo. È un prodotto della terra e del territorio che sapienti mani trasformano in un’esperienza unica per chi lo assaggia. Quanto è importante “il vestito” che indossa per diventare esperienza? Quanto influiscono territorio e comunicazione sul valore percepito di un vino? Cercherà di rispondere a questi interrogativi la tavola rotonda “Il successo di un vino: questione di qualità, di territorio o di comunicazione?” organizzata da Associazione Culturale Arte & Vino in collaborazione con la delegazione Ferpi Triveneto a Teolo, alle porte di Padova, domenica 19 novembre.

La tavola rotonda, che metterà a confronto comunicatori e produttori del settore vitivinicolo, si svolge nell’ambito della seconda edizione de I Giganti di Langa, una manifestazione che porterà i vini e le specialità gastronomiche delle Langhe nel cuore del Veneto, presso il Centro Congressi dell’Abbazia di Praglia, monastero benedettino dell’XI secolo che sorge ai piedi dei Colli Euganei.

Condotti da Mariapaola La Caria, socia Ferpi, dell’agenzia di comunicazione PR Consulting, i relatori presenteranno delle case history e discuteranno di temi divenuti fondamentali nella determinazione del successo di un vino nei mercati internazionali, dal branding di un territorio al posizionamento di un vino, dalla comunicazione di tipo tradizionale su testate di settore al digital e al social media marketing. Jole Dellapiana, dell’Azienda Vitivinicola Rizzi di Treiso (CN), porterà il caso delle Langhe, affermato brand territoriale che si è saputo imporre nel mondo come sinonimo di paesaggi inconfondibili e di uno stile di vita basato sulla qualità dei prodotti enogastronomici che il mondo ci invidia. Franco Zanovello, presidente Strada del vino dei Colli Euganei, esporrà l’esperienza di un territorio che sta ancora cercando la sua identità per trasformarsi in un brand riconosciuto in grado di trasmettere le peculiarità di un’area che ha molto da offrire in termini di ambienti naturali, produzione vitivinicola e offerta di culturale. Di branding parlerà anche Michele Rematelli, partner di Tessari Associati, agenzia creativa, che illustrerà le buone pratiche che hanno caratterizzato il successo delle loro campagne nel lancio e nel posizionamento di aziende vitivinicole che hanno saputo cogliere e vincere la sfida. Irene Graziotto, comunicatrice specializzata nel settore vinicolo di Studio Cru, racconterà la sua esperienza con il case study del rosé e della sua fama, spinta anche da una serie di circostanze che esulano dalla comunicazione tradizionale e che vedono invece coinvolti social come Instagram i cui filtri tarati sul rosa hanno contribuito a rendere il rosato un prodotto di moda, giovane, perfetto per i millennial (che non a caso sono maggiori utenti di Instagram). Nadia Pasqual, socia Ferpi, dello studio di comunicazione Mark PR, si focalizzerà sul marketing territoriale e la trasformazione di un territorio vocato alla produzione vitivinicola in destinazione enoturistica. Un segmento, quello del turismo del vino, in costante crescita ma con enormi margini di miglioramento per un paese come l’Italia, produttore storico di vino che è nell’immaginario dei turisti internazionali come patria del buon vivere e del buon bere.
Al termine della tavola rotonda, la giornata continuerà con il banco di assaggio delle migliori etichette delle Langhe: Barolo, Barbaresco, Nebbiolo, Barbera, Roero assieme a rappresentativi vini bianchi del territorio, dalle grandi firme di riferimento a interessanti produttori emergenti, il workshop “Il Barbaresco: Orizzontale annata 2014″ condotto da Ottavio Venditto, Miglior Sommelier d’Italia 2014, la caccia simulata al tartufo accompagnati dal Presidente Trifulau Colline di Langa Piercarlo Vacchina e da abilissimi cani ricercatori del pregiato fungo, la master class “I cru di Barolo” nella quale si degusteranno sette pregiate etichette guidati dal Maestro Sommelier Roberto Gardini, docente ALMA  e wine consultant di fama internazionale. Una giornata di eventi esperienziali interamente dedicati alle Langhe, che la manifestazione “I giganti di Langa” porta ogni anno nel cuore del Veneto, nella splendida cornice dell’Abbazia di Praglia.
Ingresso alla tavola rotonda libero e gratuito. È gradita la conferma a: delegazione.triveneto@ferpi.it

Ingresso alle attività della manifestazione “I giganti di Langa” a pagamento. Ingresso ridotto per i soci Ferpi. Informazioni: www.associazionearte-vino.itsegreteria.artevino@gmail.com

 

Commenti