• In ricordo di Franca

    Si è spenta lo scorso 22 dicembre, a Milano, Franca Sozzani, per 28 anni storico direttore di Vogue Italia. Una donna che, con il suo lavoro, ha contribuito in modo sostanziale a portare la moda italiana nel mondo. Personalità dinamica ed eclettica ma, al contempo, delicata e sensibile, come di recente l'ha mostrata il figlio nel film "Franca. Chaos & Creation". Il ricordo del Presidente Ferpi, Pier Donato Vercellone.

    23/12/2016 | Cultura, Media | Commenti (0)

    di Pier Donato Vercellone



Sebbene con la discrezione e la sensibilità che merita, vorrei condividere un ricordo di Franca Sozzani.

Dire che è un’icona della moda e dello stile non esprime per nulla la sua personalità: un’icona è un’effigie un poco statica, mentre Lei è stata un propulsore dinamico di genialità ed energia positiva.

Comunicatrice internazionale che è riuscita a costruire un brand come emblema globale, riconosciuto e amato.

Creatrice di progetti innovativi che hanno reso concreto ed emotivamente coinvolgente il concetto di mass-exclusivity, attraverso il successo delle Vogue Fashion Night Out.

Costruttrice di dinamiche valoriali, non convenzionali per la moda internazionale, con gli “special issue” di Vogue che affrontavano tematiche culturali e sociali, con coraggio e determinazione.

Ideatrice di eventi e iniziative di grande impatto: ricordo l’affascinante recupero della Condé Nast House a Milano, allestita in modo pregevole e unico per celebrare i 50anni di Vogue Italia.

Ambasciatrice della creatività italiana e sensibile animatrice di iniziative solidali e sociali.

E molto altro….

Nel mondo chiassoso e sovente sovraesposto del fashion, Lei amava il talento intangibile dell’intuizione, la modestia raffinata del dettaglio, l’umiltà del lavoro quotidiano.

E mi faceva sempre sorridere, con innata ironia e dolce sarcasmo; per me con reverente simpatia e affetto.

Ne abbiamo fatte di cose belle insieme. Grazie per l’ispirazione.

 

Commenti