• Parole O_Stili: a Trieste contro l’ostilità in rete

    Due giorni di lavori, oltre 300 tra comunicatori, giornalisti, manager, politici, docenti e influencer, un unico obiettivo: ridurre, arginare e combattere le pratiche e i linguaggi negativi della Rete. Anche Ferpi sarà presente con Pier Donato Vercellone e Daniele Chieffi.

    13/01/2017 | Eventi | Commenti (0)

    di Redazione



Due giorni di lavoro, presso la Stazione Marittima di Trieste. Nel profondo nordest d’Italia, il 17 e 18 febbraio, oltre 300 tra comunicatori, giornalisti, manager, politici, docenti e influencer, si incontreranno per far dialogare e confrontare professionisti e personalità di diversi settori a cui le parole e il linguaggio stanno a cuore.

Parole O_Stili è la prima community contro l’ostilità delle parole in Rete. Un progetto, nato per sensibilizzare e far riflettere sulla non neutralità delle parole e sull’importanza di sceglierle con cura per invertire la tendenza di una comunicazione ostile e aggressiva, che ha raccolto manifestazioni concrete di interesse da esponenti di primo piano del mondo della politica, del giornalismo, dell’impresa, dell’università e della Rete tra i quali la Presidentessa della Camera Laura Boldrini, il giornalista Enrico Mentana e Alessandro Rosina, docente dell’Università Cattolica e coordinatore del Rapporto Giovani, la più estesa ricerca in Italia sull’universo giovanile realizzata in collaborazione con Ipsos.

Il potere delle parole è immenso: commuovono, scaldano il cuore, valorizzano, danno fiducia, semplicemente uniscono… E poi ci sono tweet, post e status: feriscono, fanno arrabbiare, offendono, denigrano, inesorabilmente allontanano. Perché se è fottutamente vero che i social network sono luoghi virtuali dove si incontrano persone reali, allora viene da domandarsi chi siamo e con chi vogliamo condividere questo luogo. Parole O_Stili ha l’ambizione di essere questo: l’occasione per confrontarsi sullo stile con cui stare in rete, e magari diffondere il virus positivo dello “scelgo le parole con cura” perché “le parole sono importanti”.

Saranno 9 i tavoli tematici che si susseguiranno nei due giorni, dedicati a:

  • giornalismo e mass media: l’informazione come baluardo del rispetto e del corretto uso della parola
  • social media e scritture: azioni di marketing digitale e coerenza dei messaggi
  • viaggi, sport e divertimento: come promuovere luoghi, esperienze e incontri in modo sostenibile
  • politica e legge: comizi digitali e democrazia attraverso il linguaggio
  • business e advertising: il rispetto nella comunicazione come valore non negoziabile dei brand
  • in nome di Dio: le parole che uniscono e aprono al dialogo
  • giovani e digitale: adolescenti alla ricerca di un’identità digitale
  • bambini e social media: i comunicatori di domani e il ruolo educativo dei genitori
  • bufale e algoritmi: i nuovi mostri generati o amplificati dagli algoritmi e dai meccanismi selettivi di social network e motori di ricerca

Anche Ferpi sarà presente con Pier Donato Vercellone, Presidente Ferpi e Daniele Chieffi, Social Media Manager di Eni, che interverranno, fornendo il loro contributo alla creazione del “Manifesto della comunicazione non ostile”, realizzato dalla community con l’obiettivo di ridurre, arginare e combattere le pratiche e i linguaggi negativi della Rete.

Scarica il programma.

Commenti