Ferpi > News > Gli studenti stranieri imparano l’italiano grazie alla radio

Gli studenti stranieri imparano l’italiano grazie alla radio

14/07/2010

Con _Il ComunicAttivo_, storica trasmissione radiofonica di Radio 1 Rai, gli studenti stranieri possono imparare la nostra lingua. Un progetto questo che va ad unirsi ad altri che Igor Righetti, conduttore del programma, ha sviluppato nel corso degli anni.

Attraverso Il ComuniCattivo, uno dei più seguiti e amati programmi d’informazione di Radio 1 Rai in onda da oltre 8 anni, ideato e condotto da Igor Righetti, alcuni istituti di lingua e università di ben 5 nazioni (Australia, Spagna, Stati Uniti, Francia e Gran Bretagna) insegnano la lingua italiana. I docenti scaricano in podcast l’originale trasmissione giunta alla puntata 1.530 in onda dal martedì al venerdì alle 17.40 e il sabato alle 11.35 e si esercitano sulla pronuncia della lingua italiana, sulla comprensione del linguaggio e dei giochi di parole informandosi anche su ciò che accade nel nostro Paese.
Dice Igor Righetti: “L’ultima in ordine di tempo è stata la Spagna. Da Oviedo mi ha scritto la professoressa di lingua italiana Luz Marina Lozano che insegna italiano attraverso l’ascolto del ‘ComuniCattivo’. In un momento in cui la nostra lingua è troppo spesso bistrattata in patria questa operazione nata in modo spontaneo in varie nazioni del mondo mi riempie di orgoglio e nello stesso tempo mi carica di responsabilità: se gli studenti di quei Paesi faranno errori d’italiano sarà anche colpa mia. Nel direttore di Radio 1 Rai Antonio Preziosi ho trovato un alleato sensibile e attento a quest’operazione degna del miglior servizio pubblico”.
E aggiunge: “Per trasmettere i messaggi applico i preziosi consigli che mi diede mio zio Alberto Sordi soprattutto sull’uso del tono, del timbro, del ritmo e del linguaggio irriverente ma garbato e mai volgare. In radio, mi disse, è difficile mentire anche se non ti vedono".
La creatività, la semplicità del registro linguistico, l’ironia mai banale, la sinergia tra radio e web e la contaminazione tra linguaggi differenti come quello del teatro, della tv e della radio rende appetibile il programma a un pubblico che va dall’adolescente all’ultraottuagenario.
“Il messaggio – spiega Igor Righetti – non guarda l’età anagrafica dipende dal modo in cui una notizia viene comunicata”.
La “terapia radiofonica di gruppo di sana comunicattiveria”, come la definisce Righetti appena tornato da New York dove è stato invitato proprio per mostrare il suo modo innovativo di comunicare a livello intergenerazionale in radio e in tv, ha scaturito anche in Italia la discussione di 23 tesi di laurea. Le originali tecniche e i linguaggi radiotelevisivi del metodo “ComuniCattivo” vengono insegnati da oltre un decennio da Igor Righetti prima all’Università La Sapienza di Roma poi all’Università di Palermo, a quella di Udine, alla Iulm di Milano, all’Istituto europeo di design, alla Link Campus University of Malta e ora all’Università di Roma Tor Vergata e alla Luiss.
“Il ComuniCattivo” è stata la prima trasmissione di infotainment (informazione e intrattenimento) di Radio 1 dalla quale nel 2004 scaturì il primo radio reality a livello internazionale “In radio veritas” e, di recente, ha promosso il concorso per giovani conduttori radiofonici “La radio è di parola”.
Ma il “metodo ComuniCattivo” è stato usato anche su bambini iperattivi e dislessici dall’insegnante di break-dance Enrico Commisso di Velletri, in provincia di Roma. I bambini coniavano aforismi come quelli ideati nel “ComuniCattivo” e li interpretavano.

COMMENTI

Eventi