• La voce della parola scritta

    “Dalla scrittura chiara ed efficace all’originalità dell’espressione in rete. I nuovi linguaggi delle organizzazioni” è il seminario organizzato da Ferpi Triveneto con l'obiettivo di coniugare l'arte della scrittura alla pratica delle RP. Condurrà l'incontro Luisa Carrada che per l'occasione ci propone un'interessante riflessione.

    02/10/2008 | Archivio | Commenti (0)

    di Redazione



La rete non finisce mai di sorprenderci. E tra le tante sorprese di quello che a torto o a ragione chiamiamo Web 2.0 c’è un’eccezionale rivincita del testo, della parola scritta.

Che internet ci avesse rimessi tutti a scrivere, ce ne eravamo ormai accorti da un pezzo, almeno da quando l’email è diventata in tutte le organizzazioni il principale strumento di comunicazione tra le persone. Ma anche dove la multimedialità trionfa – tra i video di Youtube e le foto di Flickr – il testo si ritaglia nuovi spazi e funzioni, che si aggiungono ma non soppiantano affatto quelli più tradizionali.

Se un’immagine vale più di mille parole, quella immagine ha un disperato bisogno delle parole per essere classificata, commentata, collegata ad altre e, soprattutto, trovata. Le parole sono il carburante dei più potenti motori dei nostri giorni, quelli di ricerca. E devono essere parole studiate, precise, proprio quelle sceglieranno per esprimersi i nostri lettori, interlocutori, futuri clienti. L’incontro con loro potrà avvenire solo sul terreno delle parole giuste e condivise.

Sono fatte solo di parole le tag cloud, le nuvolette che troviamo sempre più spesso sulle pagine web a indicarci a colpo d’occhio di cosa si parla lì, così come di parole sono fatti i post e i commenti sui blog. Ogni giorno, nella nostra giornata di lavoro, intrecciamo – scrivendo – continue conversazioni.
Ma anche nei più rassicuranti confini dei siti che ci ostiniamo a chiamare “istituzionali” le cose stanno cambiando sotto i nostri occhi.

Che un’azienda sia piccola o grande, pubblica o privata, sono sempre più le parole scritte a rappresentarla ai clienti o ai cittadini, su tanti strumenti di comunicazione diversi. Alcuni nuovi, altri più tradizionali, ma rinati a nuova vita: brochure, comunicati stampa, annual report, schede prodotto, presentazioni powerpoint, white paper, case study, ebook, newsletter, lettere ai clienti, email, report interni, risposte a bandi di gara, blog, wiki… ogni organizzazione è oggi anche un’azienda editoriale e ogni professionista in qualche modo anche un redattore.

Il testo ci rappresenta, dunque, e quando è importante distinguersi, farsi ascoltare e poi sintonizzarsi sul linguaggio dei nostri interlocutori, il linguaggio standard, il marketese e il burocratese, il gergo del nostro settore di mercato non ci servono più.

La parola scritta ha bisogno di riacquistare profondità, respiro, originalità, tono di voce, tutte cose che si alimentano attraverso la contaminazione con altre discipline e l’espressione personale di tanti singoli individui, dentro e fuori le organizzazioni. “Le aziende non bloggano, solo le persone possono farlo” ci ammonisce Debbie Weil, una delle maggiori esperte di corporate blogging.

In un mercato fatto non di segmenti ma di singoli individui, solo le persone possono individuare il modo migliore di parlare alle persone e di comporre, insieme, anche la voce aziendale.
Una voce originale, per distinguersi. Umana, per partecipare alle conversazioni con i cittadini e i clienti. Precisa, per parlare anche ai motori di ricerca. Visiva, per essere colta anche con gli occhi (glance language, comincia a chiamarlo qualcuno). Onesta, perché per fortuna nel mondo in rete è terribilmente difficile barare.

Luisa Carrada, una delle più note esperte di scrittura sul web (www.mestierediscrivere.com) sarà venerdì 24 ottobre a Marghera (Venezia), presso il Centro Internet Marghera Digitale per il seminario “Dalla scrittura chiara ed efficace all’originalità dell’espressione in rete. I nuovi linguaggi delle organizzazioni.” promosso da FERPI Trevenezie in collaborazione con Provincia di Venezia e PoloEst.

Programma dell’incontro

Ore 9.00 arrivo e registrazione dei partecipanti

• Le organizzazioni nel mondo del Web 2.0: con il sistema delle relazioni cambia anche il linguaggio.

• Gli strumenti nuovi e la nuova vita di quelli tradizionali: sito web, blog, comunicato stampa, ebook, case study, brochure e newsletter.

Ore 13.00-14.00 Pausa pranzo

• La fine del brochurese, la scoperta della conversazione diretta con i clienti, la riscoperta della narrazione a livello individuale e aziendale.

• Informalità della comunicazione, oralità della scrittura, rigore delle informazioni: attraverso l’equilibrio, la ricerca dello stile e della voce aziendale. Una voce diretta, coinvolgente, precisa e credibile.

16.30 Conclusione dei lavori

Informazioni pratiche: Il corso è riservato ai Soci Ferpi nel numero massimo di 20 iscritti. Iscrizione fino ad esaurimento dei posti disponibili fino al 6 ottobre. Costo iscrizione: 50 euro.
Per richiedere modulo di adesione rivolgersi a: delegazione@triveneto.ferpi.it

Ferpi Trevenezie dà appuntamento a Marghera, il 24 ottobre, con il seminario “Dalla scrittura chiara ed efficace all’originalità dell’espressione in rete. I nuovi linguaggi delle organizzazioni”.

Commenti