• Digital PR, come stringere rapporti di fiducia e di interazione con i consum-attori?

    Oggi il mercato è conversazione, soprattutto online. Cosa significa entrare nel mondo digitale e instaurare delle relazioni con le community che possano restituire un valore aggiunto al racconto dell’azienda? Il corso Ferpi "Digital PR. L’ascolto della rete", in programma a Napoli il 2 ottobre, mira a scoprirlo e a fornire gli strumenti utili per un’interazione multicanale coerente e rafforzativa.

    21/07/2017 | Formazione | Commenti (0)

    di Redazione



A ottobre l’appuntamento con la Formazione Ferpi è a Napoli, preso la sede dell’Unione Industriali, per parlare delle Digital PR, quel complesso di attività che si inseriscono all’interno della comunicazione below the line, mirate a costruire una relazione interattiva con i pubblici della rete. Il Corso è a cura di Letizia Nassuato, Regional Communication Manager Vodafone Italia e Membro CASP di Ferpi e Elena Salzano, Delegato Ferpi Campania. Con il contributo degli esperti del settore e grazie al supporto di case studies emblematiche, il Corso fornirà ai partecipanti spunti e competenze per riuscire a gestire le conversazioni online e indirizzarle verso la valorizzazione del brand.

Se in passato, nell’ambito del marketing e della comunicazione, era l’advertising a rappresentare lo strumento più forte ed efficace per acquisire nuovi clienti e trattenere con loro un rapporto di fiducia, il presente, con l’introduzione dei new media, vede un’inversione radicale di questo paradigma. La pubblicità tradizionalmente intesa, infatti, oggi occupa parte decisamente più limitata nelle tecniche di promozione della marca, mentre si dà largo spazio al mondo delle relazioni one-to-one, per costruire rapporti più solidi sia con i clienti finali, sia con gli intermediari, che hanno il potere di rafforzare il messaggio comunicativo all’interno della propria rete di contatti.

Le public relation, soprattutto quelle digitali, svolgono un ruolo decisivo nella comunicazione sul brand: anche se spesso non sono schiettamente rivolte alle finalità di acquisto del prodotto o del servizio, esse aiutano a costruire un racconto sul brand e a gestire l’offerta proposta in maniera competitiva. Le relazioni online permettono, infatti, di avere un monitoraggio live dei percepiti dei clienti rispetto alle azioni di comunicazione, elemento essenziale per apportare, se necessario, modifiche sugli aspetti comunicativi e operativi dell’impresa.

Secondo Nassuato: “Le digital PR agiscono su più assi: ascolto, ingaggio, segmentazione, trasparenza, consentendo quel flusso virtuoso nella relazione con i propri stakeholder che rappresenta al contempo opportunità e rischio”. La chiave di volta è, pertanto, la relazione, la condivisione dei valori della marca affinché l’interazione tra chi emette il messaggio e chi lo riceve possa far crescere la reputazione. Le Digital PR, al contrario della pubblicità, sono maggiormente inserite nel contesto in cui operano: esse richiedono alcune delle competenze degli uffici stampa, con la differenza che gli interlocutori, ora, sono dappertutto: l’integrazione dei canali e la crossmedialità impongono, quindi, un bagaglio di competenze in grado di affrontare i cambiamenti e gli imprevisti all’interno del mare magnum della rete.

Il corso è aperto a tutti, soci e non soci.

Dà diritto al riconoscimento di 50 crediti formativi ai soci Ferpi ai fini della qualificazione necessaria all’aggiornamento professionale interno.

Per esigenze di natura organizzativa e logistica, il corso si svolgerà solo al raggiungimento di un numero minimo di iscritti.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni: casp@ferpi.it

Sede del corso:

UNIONE INDUSTRIALI
Piazza dei Martiri, 5
Napoli

Commenti