• Il futuro dei giornali

    Una conferenza dedicata ad uno dei temi maggiormente di attualità per chi si occupa di comunicazione e giornalismo. Mercoledì 21 giugno, in occasione dell’evento che chiuderà i festeggiamenti  per il 150° anniversario della nascita de La Stampa, un incontro dedicato al futuro del giornalismo e dei giornali.

    16/06/2017 | Eventi | Commenti (0)

    di Redazione



Alcuni fra i più importanti interlocutori dell’informazione italiana e internazionale si riuniranno a Torino, mercoledì 21 giugno, per discutere del futuro del giornalismo, durante l’evento che chiuderà i festeggiamenti  per il 150° anniversario della nascita de La Stampa, fondata nel 1867.

L’appuntamento, organizzato da John Elkann, intende riflettere sul tema “Il futuro dei giornali”. Ad ospitare l’evento un luogo simbolo per il quotidiano, la Sala delle Bobine che alimentano le rotative dello stabilimento di via Giordano Bruno. Oltre al Presidente dell’editrice La Stampa, Elkann, ad animare la discussione saranno direttori e editori di alcune delle principali testate, cartacee e online, di tutto il mondo.

Oltre allo stesso Elkann, infatti, saranno presenti personalità come Robert Allbritton (presidente e AD di Politico), Lionel Barber (direttore FT), Jeff Bezos (editore del Washington Post oltre che fondatore di Amazon), Mario Calabresi (direttore di Repubblica), Ascânio Seleme (Editor-in-chief of O Globo), Carlo De Benedetti (Presidente Gruppo Espresso), Louis Dreyfus (AD di Le Monde), Bobby Ghosh (direttore dell’Hindustan Times), Tsuneo Kita (presidente di Nikkei, proprietario del FT), Jessica Lessin (fondatrice e direttrice del sito The Information), Gary Liu (AD del South China Morning Post), John Micklethwait (direttore di Bloomberg News), Zanny Minton Beddoes (direttrice dell’Economist), Maurizio Molinari (direttore de La Stampa, che farà gli onori di casa), Lyda Polgreen (direttirce dell’Huffington Post), Julian Reichelt (responsabile editoriale della Bild), Massimo Russo (Managing Director Digital Division GEDI Gruppo Editoriale), Mark Thompson (AD del NYT) e Robert Thomson (AD di Newscorp).

Scarica il programma.

Commenti