• Anche Ferpi a Roma per la SMW

    Due appuntamenti, il 12 settembre con Daniele Chieffi e il 13 settembre con Stefano Martello, nell’ambito della Social Media Week, evento, organizzato da Business International – Fiera Milano Media, per esplorare l’impatto sociale, culturale ed economico del web, del digital e dei social network. Fake news e gestione delle crisi i temi al centro dei due incontri.

    05/09/2017 | Eventi | Commenti (0)

    di Redazione



 

Torna, a Roma, dall’11 al 15 settembre, alla Casa del Cinema di Villa Borghese, la Social Media Week, evento, organizzato da Business International – Fiera Milano Media, che come obiettivo si pone quello di esplorare l’impatto sociale, culturale ed economico del web, del digital e dei social network. In questa edizione anche Ferpi darà presente: martedì 12 settembre alle 17.30, Daniele Chieffi, Head of social Media Management & Digital PR – Eni. Membro del Consiglio Direttivo Nazionale di Ferpi, che parteciperà con Enzo Iacopino, giornalista, Ordine nazionale dei giornalisti e  Fabrizio Carotti, Direttore Generale, Federazione Italiana Editori Giornali all’incontro “Tra professionalità, controllo e tecnologia: la sfida alle fake news”. Lo scopo del dibattito è quello di riflettere e approfondire un tema decisamente attuale come quello delle “fake news” al tempo dei social network e della comunicazione digitale. Come difendersi dalle attività anomale che rischiano di compromettere il ruolo del giornalismo e della comunicazione? La sfida è globale e la partita è da giocare su più campi: quello istituzionale, attraverso un’attività di controllo e repressione; quello tecnologico, valutando le possibili soluzioni informatiche per la prevenzione o l’individuazione dei contenuti “fake”; non ultimo, quello della professionalità e della qualità dell’informazione. Su questi fronti sarà fondamentale conoscere il parere di Agcom, come regolatore del settore; di Google, quale leader mondiale della ricerca sul web, con servizi specifici riferiti a social ed editoria e dei rappresentanti delle categorie che rappresentano l’industria della comunicazione. Un incontro che si prefigge lo scopo di proporre e ricercare soluzioni concrete per sconfiggere il fenomeno e garantire ai lettori la circolazione di contenuti di qualità anche sul web e nel mondo dei social.

Mercoledì 13 settembre, invece, Stefano Martello, membro del Gruppo Ferpi Comunicare le professioni intellettuali  e Pietro Citarella, giornalista, propongono, sempre alle 17.30 presso la Casa del Cinema – Villa Borghese,  l’incontro su Il ruolo dei Social Media nei processi di gestione delle crisi. I recenti disastri naturali che hanno colpito la città de L’Aquila (2009), l’Emilia Romagna (2012) ed il Centro Italia (2016). Ma anche gli attacchi terroristici di Bruxelles, Parigi, Nizza e Berlino sono tutti eventi di crisi in cui i social media hanno svolto un ruolo – talvolta di controinformazione, talvolta di affiancamento alle istituzioni – nel più generale processo di gestione e risposta. Originando da questo dato, che appare acclarato, è importante riflettere non solo sul tipo di apporto che i social media possono dare al processo di risposta ad una crisi in atto, ma anche a tutti quei nuovi doveri e a quelle nuove azioni che la stessa presenza dei social media impone in capo agli attori interessati, con lo scopo di intercettare/ascoltare le istanze provenienti da un determinato territorio, per esempio, e, dunque, per calibrare risposte personalizzate e non, come spesso accade, generali e aleatorie.

Stefano Martello, giornalista e consulente in comunicazione integrata, dal 2007 componente del Gruppo Comunicare le professioni intellettuali di Ferpi è curatore, con Biagio Oppi, nel 2016, del volume Disastri naturali: una comunicazione responsabile? Modelli, casi reali e opportunità nella comunicazione di crisi, Bononia University Press. Pietro Citarella, giornalista, si occupa di comunicazione istituzionale e di social network per il Comune di Napoli. Tra i suoi ultimi libri Futuro Presente. Condividere, partecipare e leggere nell’era dei social media (Liguori, 2013) e Social Media e P.A. La comunicazione istituzionale ai tempi di Facebook (FrancoAngeli, 2017)

Ingresso libero previa iscrizione.

 

Commenti