• Uno Sguardo Raro, al cinema in scena le malattie rare

    Un festival “portatore sano di emozioni”, fatto di storie che raccontano quanto si possano superare i propri limiti fisici e non solo. “Uno Sguardo raro” è la due giorni cinematografica dedicata alle malattie rare, in programma il 10 e 11 febbraio a Roma, con il patrocinio, fra gli altri, di Ferpi.

    08/02/2018 | Senza categoria | Commenti (0)

    di Redazione



La Casa del Cinema di Roma ospiterà, il 10 e 11 febbraio, la terza edizione di “Uno sguardo raro, primo festival di cinema dedicato alle malattie rare descritto da varie angolazioni in cortometraggi, cortometraggi Under 30, documentari, spot e cortissimi, realizzati con smartphone e tablet. Un festival ‘portatore sano di emozioni’, fatto di storie che raccontano quanto si possano superare i propri limiti fisici e non solo.

Quasi mille i film – 18 quelli selezionati per la fase finale – tra corti e documentari ricevuti, di cui 158 dall’Iran, 140 dall’Italia, 97 dall’India, 52 dalla Turchia, 48 dalla Spagna e 43 dagli Stati Uniti. Tra i selezionati dalla Giuria di Qualità – presieduta dalla regista Cinzia TH Torrini – oltre a film italiani, opere da Indonesia, Spagna, Stati Uniti, Sud America e Nord Africa.

Nella due giorni del Festival, Shire, azienda leader nelle malattie rare che sta sempre più investendo nel cinema e nei cortometraggi web per diffondere conoscenza su malattie rare (a volte ultra-rare) di cui non si sa quasi nulla a livello di opinione pubblica e tra gli sponsor dell’iniziativa, presenterà o di SBS-IF: una serie di cortometraggi dedicati alla Sindrome dell’Intestino Corto e dell’Insufficienza Intestinale (SBS-IF Short Bowel Syndrome – Intestinal Failure) che al festival di Roma vedrà la proiezione della prima puntata. Questa è incentrata sulla storia di Joel, un ragazzo inglese che a seguito di un incidente stradale si trova a vivere con questa patologia molto penalizzante, che in Italia colpisce circa 800 persone. La serie è realizzata in partnership con il Salford Royal NHS Foundation Trust e il King’s College Hospital NHS Foundation Trust di Londra, centri di riferimento per la cura dell’insufficienza intestinale.

Durante la serata di premiazione sarà proiettato lo spot #limitizero, progetto dedicato a ragazzi e giovani adulti con emofilia realizzato dall’Osservatorio Malattie Rare in collaborazione con l’Istituto Europeo di Design di Milano, con la collaborazione di Fondazione Paracelso, FedEmo e Aice. L’obiettivo era quello di costruire, insieme ai ragazzi, una nuova immagine della malattia così poco conosciuta dalle nuove generazioni ed è stato reso possibile grazie al contributo non condizionato di Sobi Italia, azienda biofarmaceutica dedicata allo sviluppo di terapie innovative per le malattie rare che sostiene in maniera non condizionata anche il Festival.

Altro titolo in programma nella serata finale è il corto “Tess is Not Alone”, diretto da Bo Bigelow, papà di Tess, protagonista del corto, una bimba che soffre della mutazione USP7, malattia rara che causa disturbi dello sviluppo neurologico, anomalie della sostanza bianca, disturbi del linguaggio e dello spettro autistico. Bo ha dato vita a Boston al Festival Disorders – festival di film e cortometraggi sulle malattie raro, evento di grande successo gemellato con Uno Sguardo Raro.

Il festival prevede una Giuria Popolare, che coinvolge il pubblico: per farne parte è sufficiente scrivere alla mail  info@unosguardoraro.org e verrà riservato un posto in platea.

Uno Sguardo Raro 2018 è organizzato da Nove Produzioni, patrocinato da Roma Capitale, Uniamo Fimr onlus, Istituto Superiore di Sanità, Rai Segretariato Sociale, Biblioteche di Roma, Agiscuola, Associazione 100 autori, Anac, Ferpi, Roma Lazio Film Commission, in collaborazione con Casa del Cinema e Zétema, sostenuto dal contributo non condizionato di Sobi Swedish Orphan Biovitrum s.r.l. e Shire Italia. Media Partner: Omar – Osservatorio malattie rare; Festival Partner: Il Volo di Pegaso, Perugia Social Photo Fest, Disorder –  The Rare Disease International Film Festival.

 

Commenti