Ferpi > News > Comunicazione e Cultura Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile

Comunicazione e Cultura Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile

22/01/2008

Dalla Napoli martoriata dai rifiuti prende il via un innovativo progetto sulla comunicazione ambientale nelle scuole.

Parte giovedì 24 gennaio c.a. da una scuola in provincia di Napoli un innovativo progetto di educazione alla comunicazione ambientale. Si tratta del corso-laboratorio "Costruiamo il giornale per comunicare l'ambiente e il territorio. Comunicazione e Cultura Ambientale per lo Sviluppo Sostenibile". L'iniziativa, promossa e organizzata dalle associazioni Pianeta Atella Onlus, circolo di Legambiente e Centro di educazione ambientale "Il Pino" sviluppata in collaborazione con la Scuola Media Statale "Novio Atellano" rientra nel più ampio progetto delle "Scuole Aperte" messo a punto dalla Regione Campania.
Il corso propone elementi di cultura ambientale e sviluppo sostenibile; tecniche di comunicazione e giornalismo; lo studio e l'analisi dei mezzi di comunicazione ambientale e, come attività pratiche, lavoro di gruppi e la realizzazione di un giornalino e un sito web. Alle lezioni tenute in laboratorio, si succederanno degli incontri costituiti da lezioni frontali che tratteranno di tematiche differenti, dalla filosofia ai nuovi mezzi di comunicazione. La gestione di mezzi e strumenti di comunicazione così come la stesura di articoli per il giornale cartaceo e il web, verrà supervisionata da giornalisti professionisti di testate nazionali e locali così come le lezioni dedicate all'ambiente saranno tenute da esperti in Scienze ambientali e quelle di stampo mass mediologico saranno tenute da giornalisti e professionisti della Comunicazione. Tra di essi Peppe Maiello, socio Ferpi, giornalista del mattino e responsabile comunicazione di Poste Italiane per Campania e Calabria, recentemente in cattedra all'Università di Salerno dove ha parlato agli allievi del Master in Management delle Relazioni Pubbliche promosso da Ferpi e Assorel, Raffaele Lupoli, della redazione de "La Nuova Ecologia", Pina Montesarchio, Luigi Albano e Luigi Esposito.
"Costruiamo il giornale, per ricostruire l'ambiente" vuole anche essere un invito a cogliere e percepire quello che accade nella società e nel territorio in cui viviamo e saperlo raccontare agli altri assumendo le responsabilità derivanti da quanto sostenuto; usare con competenza le nuove tecnologie; avere un approccio guidato e una conoscenza diretta con i mezzi di comunicazione. Avere relazioni corrette con gli altri e l'ambiente in cui viviamo è il risultato formativo che il laboratorio si prefigge come obiettivo.

COMMENTI

Eventi