/media/post/f3qspba/corporate-storytelling.jpg
Ferpi > News > Corporate storytelling: strategie e project management della narrazione d’impresa

Corporate storytelling: strategie e project management della narrazione d’impresa

01/07/2016

Come si traduce la narrazione di una impresa sul piano operativo? Questo il tema affrontato in occasione del corso “Corporate Storytelling. Strategie e project management della narrazione d’impresa”, organizzato dalla Commissione per l’Aggiornamento e la Specializzazione Professionale di Ferpi in partnership con l’Università IULM.

 

Le aziende oggi sono sempre più orientate a puntare su storie che esprimano i valori aziendali e a dare voce a diversi interlocutori.

Il pensiero narrativo è di fatto alla base del modo di pensare dell’essere umano. Tanto gli individui quanto le organizzazioni costruiscono la propria identità attraverso tali tipi di processi.

Come spiegato da Andrea Fontana, AD del Gruppo Storyfactory, Docente presso l’Università di Pavia e Presidente Osservatorio Storytelling, in occasione di un focus sul Corporate Storytelling all’interno dell’Executive Master in RP d’Impresa dell’Università IULM, “La narrazione non si può improvvisare: per raccontare strategicamente occorre leggere lo scenario autobiografico di riferimento dei propri pubblici, definire una core story e infine scegliere lo strumento col quale diffondere la propria storia”.

Quando si parla di governance dei processi di comunicazione, di marketing, di analisi strategica, di gestione e sviluppo delle risorse umane ma anche di design di prodotto, lo Storytelling si pone come un dispositivo fondamentale per le aziende e imprese. Attraverso lo Storytelling si possono ottenere obiettivi diversi come informare, condividere un’esperienza, influenzare una scelta, convincere e orientare un comportamento.

Per poter realizzare i risultati designati però lo Storytelling non deve essere semplicemente concepito come “un racconto di qualcosa”, ma deve essere progetto in un’ottica strategica. Occorre infatti studiare il funzionamento dei racconti e progettarli in funzione della loro efficacia e in base all’impresa stessa.

Il Corporate Storytelling non è l’autocelebrazione dell’impresa o il raccontare l’azienda a sé stessi e per stessi, il suo vero valore risiede nella possibilità di trasformare, di coinvolgere, di diffondere le conoscenze e i know-how operativi, in modo da poter governare meglio il cambiamento dell’impresa. Utilizzare il Corporate Storytelling aiuta l’azienda ad acquisire consapevolezza sui processi operativi, ad accrescere il capitale narrativo, professionale e competitivo.

Dopotutto una narrazione d’impresa coerente ed efficace è la chiave per poter diventare un punto di riferimento nel mondo narrativo in cui nascono gli impulsi al consumo e all’acquisto.

Il Corporate Storytelling diventa necessario se si pensa che una storia verrà comunque raccontata, pertanto è fondamentale che sia l’azienda stessa a direzionare le linee guida per questo racconto.

La narrazione d’impresa sarà una dei temi del corso Corporate Storytelling. Strategie e project management della narrazione d’impresa in programma a Milano presso l’Università IULM (via Carlo Bo,1).

Il corso, organizzato da Ferpi in partnership con l’Università IULM, a cura di Andrea Fontana, intende analizzare i diversi aspetti del Corporate Storytelling e della narrazione d’impresa, secondo uno sguardo organizzativo e manageriale al fine di fornire strategie, metodi e strumenti per costruire racconti aziendali, commerciali e di reputation.

Per ulteriori informazioni e iscrizioni: casp@ferpi.it

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

COMMENTI

Eventi