/media/post/qrzer8s/diversity_inclusion.jpeg
Ferpi > News > Il linguaggio della diversità

Il linguaggio della diversità

17/11/2021

Redazione

L'Institute for Public Relations Center for Diversity, Equity, and Inclusion e The Wakeman Agency hanno pubblicato un report sullo stato attuale del linguaggio legato al tema della diversità nel settore delle relazioni pubbliche. Il report indica come circa 400 professionisti della comunicazione percepiscono l'attuale linguaggio di DE&I utilizzato nelle loro organizzazioni e il suo impatto sugli ecosistemi lavorativi.

L'Institute for Public Relations Center for Diversity, Equity, and Inclusion e The Wakeman Agency hanno presentato nei giorni scorsi un rapporto sullo stato attuale del linguaggio legato alla diversità nel settore delle pubbliche relazioni, "The Language of Diversity". Primo rapporto nel suo genere, "The Language of Diversity" esamina come quasi 400 professionisti della comunicazione percepiscano l'attuale linguaggio DE&I utilizzato nelle proprie organizzazioni e il suo impatto sugli ecosistemi del posto di lavoro. il report approfondisce anche i modi in cui le dinamiche di potere nel linguaggio possono rafforzare, far avanzare o impedire la creazione di culture professionali autentiche e infuse di DE&I. Sulla base del feedback degli esperti del settore, il rapporto offre definizioni standard suggerite per i termini DE&I comunemente usati.

"Il nostro settore ha la responsabilità di assumere un ruolo di leadership nel riflettere l'importanza del linguaggio in relazione alla creazione di ecosistemi che mantengono i principi DEI e pratiche al loro centro", ha affermato Vanessa Wakeman, CEO di The Wakeman Agency. “Come gatekeeper, dovremmo spingere per l'evoluzione nel modo in cui comunichiamo con i colleghi e le parti interessate esterne. Ma prima di tutto, dobbiamo acquisire informazioni sulle percezioni e sull'uso del linguaggio attuali. Ci auguriamo che questa ricerca migliori la chiarezza e l'impatto mentre ci sforziamo di plasmare il linguaggio che promuove la missione DE&I".

Un'analisi dei risultati rileva che:

  • Il novantasette percento dei comunicatori ha convenuto che il linguaggio o le parole potrebbero influenzare o rafforzare le dinamiche di potere sul posto di lavoro.

  • Una maggioranza significativa (87%) ha affermato che è importante che le discussioni sul posto di lavoro si concentrino su come il linguaggio può evolversi per essere più equo o inclusivo. Tuttavia, un terzo degli intervistati ha affermato di ritenere che i termini diversità, equità e inclusione siano stati abusati.

  • Due terzi dei comunicatori hanno convenuto che il settore delle RP ha bisogno di sviluppare definizioni standard relative al DE&I e solo il 13% non è d'accordo. Meno della metà degli intervistati ha ritenuto che le organizzazioni stessero spiegando adeguatamente l'importanza del linguaggio DE&I.

  • Il rapporto rivela definizioni DE&I imprecise e incoerenti tra i professionisti della comunicazione

  • La ricerca ha chiesto agli intervistati di fornire definizioni di diversità, equità, inclusione e giustizia sociale. In generale, queste definizioni erano imprecise, incoerenti e incomplete rispetto al corpo di conoscenze e letteratura su questo argomento:

  • Il 20% ha riferito di non aver riconosciuto la differenza tra i termini "diversità" e "inclusione".

  • Un quarto non è riuscito a riconoscere "equità" e "uguaglianza" come termini distinti.

  • Solo il 23% ha visto "inclusione" e "appartenenza" come termini separati.



Poche organizzazioni avevano codificato le definizioni di DE&I e la maggior parte non era disponibile pubblicamente. Solo il 31% dei comunicatori ha riferito che le proprie organizzazioni avevano definizioni formali dei termini DE&I in un manuale o in una guida. "Avere un linguaggio chiaro e coerente è fondamentale per il successo della comunicazione DE&I", ha affermato Tina McCorkindale, presidente e CEO presso l'Institute for Public Relazioni. “I risultati dell'indagine indicano un ampio uso e codificazione del linguaggio da parte dei comunicatori. Le aziende devono assicurarsi che i propri dipendenti comprendano la terminologia e siano tutti sulla stessa pagina, in particolare con la fluidità del linguaggio”. I comunicatori hanno notato che le loro organizzazioni avevano maggiori probabilità di esprimere pubblicamente un impegno nei confronti dei DE&I (76%) piuttosto che agire, internamente (70%) o nella società (59%). Definizioni chiave del DE&I.

Oltre all'indagine completa sullo stato del linguaggio DE&I, il report contiene anche definizioni di parole/termini DE&I. Le definizioni sono state sviluppate analizzando l'ampia gamma di risposte al sondaggio insieme ai modelli di come le persone hanno articolato i termini e le parole ad alta frequenza. Nove leader accademici e del settore sono stati consultati per rivedere e fornire feedback sulle definizioni. Le definizioni relative alla diversità sono fornite per diversità, uguaglianza, equità, inclusione e giustizia sociale. La relazione sottolinea che queste non sono definizioni universalmente accettate; piuttosto, illuminano la necessità di perfezionamento e aggiornamenti continui al linguaggio DE&I. Le definizioni sono state create per generare discussioni ed esplorazioni significative, portando a un cambiamento positivo duraturo.

Per accedere al rapporto completo: Instituteforpr.org/defining-diversity-equity-inclusion-report/.

COMMENTI

Eventi