Ferpi > News > Il passo lento. Energia, ambiente e infrastrutture in Italia

Il passo lento. Energia, ambiente e infrastrutture in Italia

09/04/2009

Governance territoriale, dialogo e sviluppo sostenibile per superare la crisi: presentati i dati della IV edizione dell'Osservatorio Media Nimby Forum®. La fotografia che emerge è di un Paese in cui il fenomeno delle contestazioni territoriali ambientali è in continua crescita, in un sistema in cui mancano le regole per un coinvolgimento diretto del territorio.

Una nuova politica energetica e nuove scelte in ambito infrastrutturale rappresentano fattori strategici per il rilancio dell’economia nazionale a seguito della crisi che sta attraversando i mercati globali. Ritorno al nucleare, investimenti in nuove infrastrutture, indipendenza energetica, ciclo di smaltimento dei rifiuti sono i temi al centro del dibattito tra politica, cittadini e media.


Le esigenze di sviluppo del Paese si scontrano con il moltiplicarsi dei casi di contestazioni territoriali ambientali: le opposizioni colpiscono in maniera indiscriminata i diversi settori e le varie tipologie di impianti. Tutta la penisola, da nord a sud, da est a ovest, assiste alla mobilitazione di singoli cittadini, di comitati e, in misura crescente, di enti pubblici e partiti politici che affermano le proprie ragioni “contro”.


Nimby Forum® attraverso le ricerche dell’Osservatorio e le attività del suo progetto cerca di contribuire alla diffusione di una nuova cultura ambientale e di favorire il dibattito sul tema e il confronto tra le varie parti sociali.
Dal 2004 monitora l’evoluzione di questo fenomeno a livello nazionale attraverso l’Osservatorio Permanente che studia, con un’analisi costante della stampa italiana, come il fenomeno viene riportato dai media.


La stampa, soprattutto a livello locale, rappresenta uno specchio fedele di quanto accade nel Paese e riporta quotidianamente di opposizioni alla costruzione di grandi opere. Sono infatti oltre 4.800 gli articoli censiti sul tema nel corso del 2008, con picchi di 66 articoli in un solo giorno. E la parola Nimby è stata citata in oltre 580 articoli per descrivere il fenomeno.


All’ultimo Convegno Nazionale, tenutosi a Milano il 12 marzo 2009, è stata presentata la pubblicazione completa dei dati della IV edizione dell’Osservatorio Media Permanente Nimby Forum®.


I dati della quarta edizione mostrano un Paese che procede a passo lento, che non ha più fiducia nella politica e nelle imprese. Un Paese che risulta bloccato da un fenomeno sempre più radicato, come conferma il dato relativo al perdurare di ben 45 casi di contestazione fin dalla prima edizione dell’Osservatorio: centrali, termovalorizzatori, infrastrutture che dal 2004 a oggi non hanno fatto passi avanti significativi in termini di accettazione da parte del territorio.


Quest’anno il volume redatto da Nimby Forum® è completato da approfondimenti sulla gestione dei rifiuti in Campania e sulle prospettive del nucleare in Italia. Lorenzo Pinna, autore di SuperQuark e Guido Viale, Forum rifiuti Campania offrono il loro contributo sulla gestione dei rifiuti in Campania. L’Onorevole Claudio Scajola, Ministro dello Sviluppo Economico, apre la sezione dedicata al nucleare.


Tema approfondito attraverso contributi e interviste di Ermete Realacci, membro della Commissione parlamentare Ambiente Territorio e Lavori Pubblici, di Alessandro Clerici, Presidente Onorario Wec Italia, Stefano Ciafani, responsabile scientifico di Legambiente e di Alfiero Grandi, Comitato “No al nucleare”. Sono inoltre presentate le interviste al filosofo della scienza Giulio Giorello e alla sociologa Marianella Sclavi.


Per maggiori approfondimenti sul rapporto ‘Il passo lento. Energia, ambiente e infrastrutture in Italia’: www.arisweb.org



Alcuni dati in anteprima sono stati pubblicati su Panorama e ItaliaOggi.

COMMENTI

Eventi