Ferpi > News > Le relazioni con i media: cronaca del nono modulo del master in Rp di impresa

Le relazioni con i media: cronaca del nono modulo del master in Rp di impresa

28/06/2005

Docente Anna Adriani

Master in Relazioni Pubbliche d'Impresa 2005 9° Modulo "Le relazioni con i media"24 - 25 giugno 2005DOCENTE RESPONSABILEAnna Adriani, Direttore Relazioni Esterne illycaffèIl programma
1.    Relazioni con i media e ufficio stampa: obiettivi e caratteristiche2.    Presentazione di un caso: Illy alla 51° Biennale di Venezia3.    Gli strumenti delle relazioni con i media4.    Esercitazione: progettare un piano di comunicazione con i  media5.    Progettare e gestire la press room online: testimonianza di D. Biasi, Direttore Generale di Business Press6.    Cosa richiede il giornalista all'ufficio stampa: testimonianza di E. Marro, Capo Servizio di 24ore TV
Relazioni con i media e ufficio stampa: obiettivi e caratteristicheLa docente ha aperto il nono modulo del Master in relazioni pubbliche d'impresa con una riflessione sulle caratteristiche e sulle differenze tra ufficio stampa e relazioni con i media.Obiettivo principale di entrambi è il contribuire allo sviluppo e alla gestione della reputazione dell'organizzazione garantendo nel contempo una comunicazione coerente con la strategia aziendale.A tale fine è di fondamentale importanza la costruzione di un rapporto produttivo con i giornalisti. Ciò si traduce essenzialmente da un lato, nel poter richiedere l'attenzione al giornalista quando è necessario, e dall'altro, nel rispondere con puntualità e completezza alle sue esigenze di informazione.Solo in questo modo si viene a creare una comunicazione circolare, continua e e produttiva, in grado cioè di soddisfare le esigenze dell'organizzazione, ma anche dei giornalisti. L'attività di relazioni con i media deve essere connotata quindi da un forte livello di ricettività nei confronti del mercato e della società. Per questo motivo una delle caratteristiche più importanti delle relazioni con i media è l'ascolto. Di pari importanza la professionalità, la trasparenza e la fiducia che il professionista deve creare intorno a sé e quindi intorno a tutta l'organizzazione che diviene così un interlocutore autorevole e credibile agli occhi degli stakeholder.Presentazione di un caso: Illy alla 51° Biennale di VeneziaLa mattinata è proseguita con la presentazione del caso avente come oggetto la partecipazione di Illy alla 51° Biennale di Venezia.La docente ha quindi illustrato le attività poste in essere da Illy per l'occasione evidenziando il ruolo cruciale delle attività di relazioni con i media nel raggiungimento degli obiettivi di comunicazione che l'organizzazione si era prefissata in precedenza.Gli strumenti delle relazioni con i mediaIl caso presentato ha permesso di analizzare alcuni degli strumenti operativi fondamentali dell'attività di relazioni con i media.Primo fra tutti il comunicato stampa che da un lato deve essere in grado di mettere in luce in modo sintetico e preciso ciò che l'azienda vuole comunicare e dall'altro, deve essere di interesse per i giornalisti che ne devono poi ricavare una notizia.Sono stati di seguito analizzati altri strumenti quali la rassegna stampa, la cartella stampa, la conferenza stampa, l'intervista e il sito internet. La docente ha quindi concluso la mattinata illustrandone le caratteristiche principali e spiegando come renderli più efficaci e ridurne le criticità.Oltre a incrementare la visibilità dell'organizzazione e dei suoi prodotti/servizi, le relazioni con i media possono rinforzare messaggi, comunicare l'identità e i valori dell'organizzazione o modificare e influenzare opinioni e atteggiamenti. Per questi motivi il professionista di RP rappresenta la cerniera tra l'organizzazione e il suo ambiente esterno.Esercitazione: progettare un piano di comunicazione con i  mediaLa sessione pomeridiana si è aperta con un'esercitazione in gruppi. I partecipanti del Master hanno così potuto progettare, sulla base di un brief dato dalla docente, un piano di comunicazione a supporto del lancio della nuova confezione di illycaffé. Ciascun gruppo ha poi presentato i lavori svolti i quali sono stati in seguito commentati dalla docente. A completamento dell'esercitazione A. Adriani ha illustrato il piano di relazioni con i media effettivamente realizzato da Illy per l'occasione, progetto vincitore del premio Marco Borsa nel 2001. In questo modo i partecipanti hanno potuto confrontare i propri lavori con ciò che era stato realizzato dall'organizzazione.Progettare e gestire la press room online: testimonianza di D. Biasi, Amministratore Delegato di Business PressNell'utima parte della lezione di venerdì è stato affrontato il tema delle relazioni con i media online. Diego Biasi, Amministratore Delegato di Business Press, ha dato vita ad una riflessione sui cambiamenti che l'avvento di internet ha introdotto nella relazione tra giornalista e ufficio stampa e sull'utilizzo delle press-room aziendali.Nell'ultimo decennio infatti, grazie ad internet e alle nuove tecnologie si sono affermati nuovi modelli di fruizione delle informazioni. Tali modelli, basati sulla velocità e sull'immediatezza, hanno dato vita a nuovi ruoli e a nuove esigenze dei media. Tutto ciò ha inevitabilmente fatto sentire la sua influenza sulle organizzazioni  e sulle logiche di gestione della comunicazione al loro interno.Da ciò l'importanza dell'integrazione tra attività di media relations offline e online. Il testimone, insieme ai partecipanti, ha analizzato alcuni siti web aziendali con particolare attenzione alle press room online, alla sezioni contatti e ai contenuti informativi. La testimonianza si è poi conclusa con una riflessione sui punti di forza e sulle criticità degli strumenti analizzati.Cosa richiede il giornalista all'ufficio stampa: testimonianza di E. Marro, Capo Servizio di 24ore TVIl modulo si è concluso con la testimonianza di Enrico Marro, Capo Servizio di 24ore TV, il quale ha illustrato ai partecipanti la struttura gerarchica di una redazione e i meccanismi decisionali che sottendono la scelta delle notizie da pubblicare. Per comprendere i meccanismi decisionali che stanno alla base è fondamentale conoscere innanzitutto quali sono, dal punto di vista del giornalista, le caratteristiche che rendono un'informazione notizia. Tali caratteristiche si esplicitano nella novità e nella singolarità proprie della notizia e nell'importanza pratica e nelle conseguenze che questa assume nel "vivere quotidiano". Il testimone ha inoltre sottolineato il valore per il lettore della vicinanza fisica e psicologica della notizia, l'importanza degli aspetti emotivi ad essa legati e l'esclusiva, da utilizzare solo in particolari occasioni.Infine sono state affrontate le specificità, in termini di esigenze e tempi, dei diversi media con particolare attenzione all'organizzazione della conferenza stampa  e alla realizzazione del comunicato stampa.

COMMENTI

Eventi