/media/post/sptu57b/istock-1136507411.jpeg
Ferpi > News > Neurodiversità nelle PR: dalla kryptonite al superpotere

Neurodiversità nelle PR: dalla kryptonite al superpotere

25/10/2021

Redazione

Dall'autismo all'ADHD alla dislessia, la neurodiversità può essere l'aspetto meno discusso di Diversity, Equity & Inclusione nella comunicazione, ma è ora di porre fine allo stigma intorno alle persone il cui cervello è "cablato in modo diverso". Un articolo di PRovoke Media esplora un tema ancora poco considerato.

La diversità è stato uno degli argomenti più importanti nel settore delle Rp negli ultimi due anni. Giustamente, soprattutto nei mercati occidentali, gran parte dell'attenzione si è concentrata sul tema critico di includere veramente più persone di differenti origini razzialie. Anche la sfida di raggiungere un più ampio equilibrio socio-economico all'interno delle agenzie e dei team di comunicazione interni è all'ordine del giorno. E, non dimentichiamolo, abbiamo ancora un considerevole divario retributivo di genere con cui fare i conti.

Uno dei maggiori argomenti a favore di un team diversificato non è solo che sia la cosa giusta da fare, ma che abbia senso per il business: è ormai assodato che un'agenzia o un'azienda non sianoin grado di elaborare in modo sostenibile idee creative o capaci di modificare comportamenti se tutti hanno lo stesso aspetto,  la stessa visione del mondo e le stesse esperienze e non rispecchiano l'ampiezza delle comunità di stakeholder del brand.

Ma un altro aspetto della questione della diversità è stato finora ampiamente ignorato: come rendere il settore più attraente e inclusivo per le persone neurodiverse. Neurodiversità è un termine che si riferisce alle differenze naturali tra il funzionamento del cervello delle persone. La maggior parte delle persone è "neurotipica", il che significa che il loro cervello funziona nel modo in cui la società si aspetta. Tuttavia, una notevole percentuale di persone - le stime variano dal 10% al 30% - sono neurodivergenti, il che significa che il loro cervello apprende ed elabora le informazioni in modo diverso. 

Continua a leggere.

 

Risultati della traduzionMa un altro aspetto della questione della diversità è stato finora ampiamente ignorato: come rendere l'industria più attraente e inclusiva per le persone neurodiverse. Neurodiversità è un termine che si riferisce alle differenze naturali tra il funzionamento del cervello delle persone. La maggior parte delle persone è "neurotipica", il che significa che il loro cervello funziona nel modo in cui la società si aspetta. Tuttavia, una notevole percentuale di persone - le stime variano dal 10% al 30% - sono neurodivergenti, il che significa che il loro cervello apprende ed elabora le informazioni in modo diverso.

COMMENTI

Eventi