Ferpi > News > Buon 2011… da protagonisti

Buon 2011… da protagonisti

27/12/2010

Si conclude un anno importante per Ferpi che nel 2010, attraverso un fitto programma di iniziative, ha celebrato i 40 anni di vita. Il presidente, _Gianluca Comin,_ ne ripercorre le tappe e traccia un bilancio che tiene in considerazione tutti i principali eventi dell'anno che volge al termine. Anno di svolta per la funzione e la professione delle Rp, sempre più determinanti nella governance delle organizzazioni.

Care Socie e cari Soci,
siamo arrivati alla chiusura di un anno particolarmente importante per la Federazione e per la nostra professione. Ferpi ha festeggiato i suoi 40 anni e la figura del relatore pubblico ha visto importanti evoluzioni e campi di prova sui quali misurarsi.
All’apertura del 40° anniversario dell’Associazione avevo proposto a tutti voi una riflessione: non solo il nostro è un mestiere in continua evoluzione, che a differenza di altre professioni non scompare, ma cambia nelle forme e nei contenuti e acquista un’importanza crescente; oggi il relatore pubblico determina l’evoluzione della società, per gli strumenti e per le modalità che introduce nella relazione fra organizzazioni e stakeholders.
Fatti e avvenimenti del 2010 hanno ancora una volta confermato questa “vocazione evolutiva” e la relazione quale leva indiscussa del governo di finanza, politica e sviluppo.
Il disastro ambientale del Golfo del Messico ha provocato per il colosso degli idrocarburi BP, un crollo nelle classifiche internazionali che misurano il valore economico del brand per la cattiva comunicazione che, secondo i cittadini, ha contraddistinto la gestione delle crisi.
Molti avevano annunciato la fine della crisi a fine 2009, basandosi su ricerche economiche e dati concreti, ma la mancata fiducia dei risparmiatori ha di fatto posticipato la ripresa e ritardato il rilancio degli investimenti.
Le “scandalose” rivelazioni di WikiLeaks hanno fatto traballare le relazioni diplomatiche fra molti Governi confermando ancora una volta la potenza delle rete e la delicatezza degli equilibri geopolitici internazionali.
E poi la nascita di innumerevoli nuovi strumenti per la comunicazione.
Sul fronte tecnologico cito Ipad come esempio per tutti, che da un lato sta spingendo gli utenti verso un nuovo modo di utilizzare i propri strumenti di relazione, dall’altro stimola le aziende nel moltiplicare le applicazioni customizzate per promuovere prodotti, servizi e luoghi di relazione.
Sono poi cresciuti anche i luoghi virtuali: Facebook, il più grande social network del mondo, ha lanciato Facebook Messages integrando in un unico strumento di comunicazione gli SMS, la chat, la mail e i tradizionali messaggi. È stata introdotta per la prima volta una sorta di crossmedialità nella comunicazione per cui gli utenti possono conversare indipendentemente dal medium scelto garantendone la sincronizzazione e l’intercambiabilità. Di fatto, alla gestione delle amicizie, sono stati aggiunti strumenti di lavoro, contatti, mail e tutto ciò che trasformerà il social network in un canale di relazione integrato fra lavoro e tempo libero.
La lista degli avvenimenti e delle innovazioni non finisce qui e non termina certamente con il 2010. Siamo ormai abituati a vedere e a costruire quotidianamente cose alle quali mai avremmo pensato prima, alzando costantemente l’asticella della nostra professione.
Auguro a tutti i professionisti della comunicazione, e a Ferpi che ci rappresenta da 40 anni, un 2011 da protagonisti, nel quale continueremo a cogliere in anticipo su tutti i cambiamenti economici e sociali, e a trainare l’evoluzione del nostro mestiere e di quelli ai quali prestiamo la nostra professionalità.
Auguro a tutti noi un 2011 nel quale non ci accontenteremo dei risultati raggiunti ma durante il quale continueremo a progettare il futuro di aziende, organizzazioni e persone.
Buon anno

COMMENTI

Eventi