/media/post/r7t9v8l/Immagine-PER-IL-SITO3.jpg
Ferpi > News > C10, il primo progetto di inclusione sociale di Coca-Cola

C10, il primo progetto di inclusione sociale di Coca-Cola

15/09/2016

Un progetto di civic crowdfunding a favore e insieme alle comunità locali. Nasce “C10 – Insieme a Coca-Cola per 10 città italiane”, un lavoro che mira a stimolare e supportare il cambiamento realizzando attività di inclusione sociale in 10 capoluoghi italiani.

Coca-Cola è presente in Italia da quasi 90 anni: nel 1919 è avvenuta la registrazione del marchio e nel 1927 la Società Romana Acque Gassose ha iniziato a imbottigliare e a commercializzare la nostra bevanda. Da allora è finita con il diventare un simbolo di felicitàconvivialità e condivisione.

Grazie ad un modello di business legato alla realtà locale e alla costruzione di un sistema articolato costituito da numerose aziende che operano sul territorio seguendo i gusti e le peculiarità dei consumatori di riferimento, il sistema Coca-Cola è diventato nel tempo una realtà nazionale capace di instaurare un forte e profondo legame con le comunità locali e con un notevole impatto economico sulle stesse.

Da questo nasce l’idea di avviare C10 – Insieme a Coca-Colaper 10 città italiane”, un progetto pilota attraverso il quale contribuire a stimolare e supportare il cambiamento nel nostro Paese. Si tratta di un’operazione culturale e sociale attraverso la quale stimolare e supportare il cambiamento – o meglio 10 piccoli cambiamenti - realizzando concretamente progetti di inclusione sociale in 10 capoluoghi italiani.

Bari, Bologna, Firenze, Genova, Milano, Napoli, Palermo, Roma, Torino e Verona sono le città coinvolte. Questa iniziativa nasce dalla riflessione che, oggi più che mai, in un mondo che corre veloce tra globalizzazione e rapporti sempre più basati su relazioni asettiche e legami a termine, l'attività ricreativa torna ad essere fondamentale per lo sviluppo di valori basilari per la società quali lo spirito di gruppo e la solidarietà, la tolleranza e la correttezza delle azioni. E, soprattutto nelle aree svantaggiate, come le periferie urbane di grandi città, simili spazi possono livellare gli squilibri economico sociali e incrementare la sicurezza urbana.

In questo scenario, investire in attività ricreative, offrire servizi concreti alla comunità in grado di favorire l’inclusione sociale, creare luoghi che possono tornare a essere riempiti di persone che condividono momenti culturali, nelle più svariate forme, significa investire in una società migliore, nell’educazione, nella salute e nella cultura dei cittadini.  

Un progetto pilota che utilizza il civic crowdfunding, il mezzo per eccellenza per finanziare opere di pubblico interesse mediante l’attivazione delle comunità stesse: comunità che saranno, al contempo, fruitori del cambiamento co-autori del risultato finale.

In questa avventura sono stati coinvolti due partner tecnici , quali la Fondazione EYU e DeRev.

Chiunque, che sia un’associazione, un gruppo di cittadini, un’organizzazione no profit o un ente privato, può proporre i propri progetti da finanziare con la campagna di crowdfundingqui tutte le informazioni.

Scarica il Manifesto di “C10 – Insieme a Coca-Cola per 10 città italiane” 

COMMENTI

Eventi