Ferpi > News > EconomyUp, il primo programma tv sulle startup

EconomyUp, il primo programma tv sulle startup

05/06/2014

Dall’esperienza della piattaforma web omonima, nasce _EconomyUp,_ il primo magazine televisivo, ideato e condotto da _Giovanni Iozzia._ In onda da martedì 10 giugno, alle ore 22.00, su _Reteconomy,_ il programma sarà dedicato ai temi dell’imprenditorialità emergente, dell’innovazione e del Made in Italy.

Startup, innovazione e made in Italy sono al centro del magazine tv ideato e condotto da Giovanni Iozzia, direttore del sito Economyup.it da cui nasce la trasmissione e ospitato nell’arena del Polihub, l’incubatore d’impresa del Politecnico di Milano. Online da meno di un anno, EconomyUp è il magazine di riferimento per il crescente movimento della nuova imprenditorialità. Oltre al sito, la piattaforma distribuisce una newsletter settimanale inviata a oltre 80.000 manager e imprenditori dell’economia digitale e ospita il più grande database italiano sulle startup, compreso un calendario di tutti gli eventi dell’ecosistema.
EconomyUp è quindi il primo programma televisivo dedicato a startup e innovazione. L’Italia che ha racconta EconomyUp e il Paese che ha voglia di crescere esiste e resiste, nonostante tutto. Il nuovo programma sarà in onda da martedì 10 giugno, alle ore 22.00, su Reteconomy (canale Sky 816 e sul sito reteconomy.it in web streaming e on demand), la nuova piattaforma multicanale di informazione economica ideata per dare voce a imprenditori, professionisti, manager, che punta anche sulla presenza social e sulla fruizione in mobilità da smartphone e tablet.
A produrre i contenuti video originali è una redazione diretta da Elisa Padoan, che si avvale della collaborazione di autori quali Andrea Giuricin dell’Istituto Bruno Leoni, Giovanni Iozzia, già direttore di Capital e di Panorama Economy e oggi direttore di EconomyUp, Francesco Specchia, nota firma del quotidiano Libero, e Marco Gatti, ex direttore del mensile Espansione.
Nella prima puntata si parla della Voglia di impresa che attraversa l’Italia da Nord a Sud e che si manifesta con la nascita di migliaia di imprese innovative che stanno cogliendo le opportunità offerte dalla tecnologie digitali. E sono molte quelle che hanno superato il milione di euro di fatturato. A raccontare questo nuovo ecosistema e come funziona comincia Riccardo Donadon, presidente di Italia Startup, l’associazione che ha favorito lo sviluppo di un’importante legislazione a favore delle startup, e fondatore di H-Farm, fabbrica modello di imprese digitali dove è andato Matteo Renzi nella sua prima uscita da premier.
La storia della settimana sarà quella di Barbara Labate che nell’ecosistema delle startup è un caso perché è donna, viene dal Sud e ha creato un’impresa che ha vinto numerosi premi e ha ottenuto importanti finanziamenti: Risparmio Super, un comparatore di prezzi per trovare il supermercato dove è più conveniente fare la spesa.
Proprio nella Sicilia di Barbara Labate, è stato appena inaugurato il più grande acceleratore del Mezzogiorno: WorkingCapital Catania. EconomyUp è andata a visitarlo con Salvo Mizzi, responsabile digital markets e founder di Working Capital, il programma di Telecom a sostegno delle startup.
A completare il palinsesto di EconomyUp, due rubriche settimanali: Startup Corner, i video consigli del Polihub per fare i passi giusti quando si vuole fare impresa, e Fa’ la cosa giusta, in cui Emil Abirascid, founder di Startup Business, smonta i luoghi comuni sulla nuova imprenditorialità e l’innovazione.
Nelle puntate successive si parlerà del nuovo Made in Italy, del coraggio dell’innovazione e della necessità del cambiamento per sostenere la crescita economica con, tra gli altri, Matteo Marzotto, presidente del più ricco premio italiano per l’innovazione; Marco Gay, neopresidente dei giovani di Confindustria; Enrico Gasperini, founder del venture incubator Digital Magics; Silvano Spinelli, founder di Eos e protagonista della più grande vendita di una startup italiana Stati Uniti; Andrea Rangone, responsabile scientifico degli Osservatori del Politecnico di Milano; Cosimo Palmisano, vicepresidente della startup italiana che ha ricevuto il più alto finanziamento sul mercato americano.

COMMENTI

Eventi