Ferpi > News > Esprimete la vostra opinione sul diritto dei cittadini europei all'informazione e alla comunicazione

Esprimete la vostra opinione sul diritto dei cittadini europei all'informazione e alla comunicazione

07/03/2006

Dal Libro Bianco della Comunicazione Europea alla costituzione di una Carta europea della Comunicazione.

Dite la vostra al Vice Presidente Wallstrom e mandatene copia a info@ferpi.it. Raccoglieremo i vostri contributi e li pubblicheremo.

Da EUROPA, il portale dell'Unione Europea
Esprimete la vostra opinione sul diritto dei cittadini europei all'informazione e alla comunicazioneIl diritto all'informazione e la libertà di espressione costituiscono il nucleo vitale della democrazia in Europa e le fondamenta dei nostri sistemi politici a livello europeo e nazionale.L'articolo 6 del trattato sull'Unione europea sancisce il principio generale in base al quale l'Unione rispetta i diritti dell'uomo e le libertà fondamentali, e l'articolo 11 della Carta europea dei diritti fondamentali recita:

ogni individuo ha diritto alla libertà di espressione. Tale diritto include la libertà di opinione e la libertà di ricevere e comunicare informazioni o idee senza che vi possa essere ingerenza da parte delle autorità pubbliche e senza limiti di frontiera.
La libertà dei media e il loro pluralismo sono rispettati.
Conformemente a tali principi, la Commissione europea ritiene che tutti i cittadini europei abbiano il diritto a un'equa ed esaustiva informazione in merito all'UE, abbiano il diritto di accedere a tali informazioni nella propria lingua, di esprimere le proprie opinioni, di essere ascoltati e di avere l'opportunità di dialogare con chi detiene il potere decisionale.
Nel libro bianco (214kb) si suggerisce che i principi di inclusione, diversità e partecipazione dovrebbero definire le modalità per lo svolgimento di attività di informazione e comunicazione sulle questioni concernenti l'Unione europea. Tali principi potrebbero essere raccolti nel contesto di un documento-quadro, ad esempio in una Carta europea o Codice di condotta sulla comunicazione.Una Carta europea della comunicazione costituirebbe anzitutto uno strumento per i cittadini, che consentirebbe loro di affermare il proprio diritto a un' equa ed esaustiva informazione sulle questioni europee. La Carta definirebbe ciò che i cittadini possono aspettarsi e legittimamente chiedere nell'ambito dell'informazione e della comunicazione sull'UE. Si tratterebbe di uno strumento non vincolante cui potrebbero aderire tutti gli attori dell'UE (istituzioni, governi nazionali, regionali e locali e organizzazioni non governative). La carta della comunicazione funzionerebbe in modo analogo ad altre carte europee già esistenti quali, ad esempio "carta dei passeggeri"  (663kb) e "carta dei ricercatori"  - fornendo ai cittadini un chiaro quadro dei propri diritti e del comportamento che possono attendersi da parte di enti pubblici o prestatori di servizi.In alternativa ad una carta della comunicazione per i cittadini, vari attori dell'UE (istituzioni, governi nazionali, regionali e locali e organizzazioni non governative) potrebbero impegnarsi a rispettare i citati principi mediante un codice di condotta sulla comunicazione a carattere volontario. In questo caso si tratterebbe di un codice di condotta in cui figurerebbero le norme cui dovrebbero conformarsi le istituzioni o i prestatori di servizi nelle rispettive attività di informazione e comunicazione.

Sarebbe utile disporre di un documento quadro che raccolga i princìpi cui dovrebbero ispirarsi le attività di informazione e comunicazione sull'UE?
Quali sono le principali argomentazioni a favore di una Carta dei cittadini sulla comunicazione?
Un codice di condotta sulla comunicazione al quale le istituzioni e/o i prestatori di servizi si conformassero su base volontaria costituirebbe un'alternativa valida ad una carta dei cittadini?
Vi sono altre modalità o strumenti che potrebbero garantire il pieno rispetto del diritto dei cittadini all'informazione e alla comunicazione?
È stata aperta una consultazione che terminerà il 31 luglio 2006. Durante questo periodo tutti i cittadini europei e gli operatori interessati potranno esprimere le proprie opinioni.
  Partecipate! Fate conoscere le vostre opinioni e aspettative!

COMMENTI

Eventi