Ferpi > News > Europa: scarsa l'informazione sui media italiani. Internet la fonte più consultata

Europa: scarsa l'informazione sui media italiani. Internet la fonte più consultata

01/08/2006

Il dato emerge dai risultati della consultazione intorno al Libro Bianco sulla comunicazione promossa dal Dipartimento per le Politiche Comunitarie.

Dalla Newsletter di ComunicatoriPubblici del 28 luglio 2006:Qual è l'ultima notizia letta sull'Unione europea? Tre lettori su quattro non la ricorda. L'informazione sull'Europa è scarsa: ce lo ricorda una consultazione promossa dal Dipartimento per le Politiche Comunitarie in occasione della recente adozione della Commissione europea del Libro Bianco su una politica europea di comunicazione.Dal questionario diffuso sia attraverso il sito del Dipartimento, sia in occasione del recente Forum della Pubblica Amministrazione, si ricava un'idea di Europa decisamente poco incoraggiante: ancora lontana dai cittadini, debolmente conosciuta nelle attività politiche e istituzionali. Difficilmente viene ricordata l'ultima notizia letta o ascoltata sull'Europa, ma sicuramente colpisce il fatto che siano in aumento i cittadini che utilizzano internet per sopperire ad una assenza di informazione dei canali tradizionali. Oltre il 68% degli intervistati ha visitato almeno una volta un sito internet che riguarda temi europei ed è sempre internet lo strumento migliore - a detta degli intervistati - per comunicare meglio i temi europei.Alla consultazione hanno partecipato 350 cittadini, il 51% uomini e il 49% donne, per lo più impiegati, studenti e funzionari ma anche molti pensionati. Il 60% valuta scarsa l'informazione sull'Europa da parte dei media italiani e appena il 25% ricorda l'ultima notizia sull'Unione Europea letta, ascoltata o vista in tv: per lo più, il tema dei nostri conti pubblici nel rapporto con Bruxelles, ma anche l'allargamento (soprattutto il possibile ingresso nell'UE della Turchia), notizie di natura economica e finanziaria nell'UE e la Costituzione europea (in particolare, la bocciatura del Trattato in Francia e Olanda).E infine i suggerimenti: una cooperazione tra livello europeo e livello nazionale per una più efficace comunicazione è auspicata soprattutto per favorire la realizzazione di programmi e notiziari tv dedicati all'UE. Molti hanno chiesto persino un tg europeo. Altri hanno proposto nuovi punti di incontro per gli europei. Il campione non è enorme ma i suggerimenti, a quanto pare, preziosi.

COMMENTI

Eventi