Ferpi > News > Job@globe: positivo il bilancio dell'edizione 2008

Job@globe: positivo il bilancio dell'edizione 2008

26/03/2008

Particolarmente apprezzato il format sul turismo culturale, tematica fortemente voluta da Claudia Golinelli, professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Turistiche a Tor Vergata

"Il fatturato del turismo culturale è pari a ben 84,4 miliardi di euro con un peso di oltre il 6% sul Pil (fonti: Annuario Touring Club Italia). La cultura rappresenta il primo attrattore in termini di arrivi ed il secondo in termini di presenze, fungendo da traino per altre forme di turismo e per il Sistema Italia nel suo complesso. È di gran lunga il motivo principale degli arrivi (47%) e delle presenze (34%) di turisti stranieri, essendo inoltre connotata dalla spesa pro-capite pro-die più elevata nel comparto leisure. Allo stesso tempo, non mancano criticità di rilievo: eccessiva polverizzazione dell'offerta, scarsa capacità di coordinamento e di integrazione dei prodotti turistici e dell'offerta formativa nel settore, supporto della pubblica amministrazione non di rado inefficace"
E' quanto ha affermato Claudia Golinelli di Ega, nell'ambito del convegno "Nuove professioni per il turismo culturale: progetti e risorse", che si è tenuto sabato 15 marzo la seconda edizione di Job@Globe, l'iniziativa dedicata all'orientamento, alla formazione e all'inserimento professionale dei giovani nel settore turistico. Professore ordinario di Economia e Gestione delle Imprese Turistiche all'Università degli Studi di Roma Tor Vergata, la Golinelli, forte della sua esperienza da imprenditrice e comunicatrice nel settore turistico-congressuale,  si è fatta promotrice del Corso di Laurea Specialistica in Beni Culturali per la Progettazione e Gestione dei Sistemi Turistici presso la stessa università, di cui è presidente.
<In tale cornice Roma non può che costituire il cuore ed il cervello di un nuovo progetto per il turismo italiano - continua Claudia Golinelli - Cuore in quanto l'immagine dell'Italia come principale destinazione culturale al mondo è legata all'Urbe. Cervello perché è dalla destinazione italiana più nota che deve partire una sinergia tra mondo delle imprese, pubblica amministrazione ed università centrata su progetti in grado di valorizzare un enorme patrimonio solo in parte esplorato e sul quale si può concretamente costruire un vantaggio competitivo sostenibile. In tale ottica, al di là dei necessari investimenti in infrastrutture e dell'arcinoto 'fare sistema' del territorio, il nodo centrale è quello delle 'persone' senza le quali i primi due hanno vita breve ed i progetti al massimo rimangono sulla carta. Il capitale umano, infatti, è il vero architrave su cui poggiare la competitività di un territorio nel tempo ed è per questo che da anni abbiamo puntato sulla formazione nel campo del turismo culturale a Tor Vergata ed ho fatto in modo che il panel sul turismo culturale fosse l'asset distintivo di Job@Globe>.
 

COMMENTI

Eventi