Ferpi > News > La leadership passa dall’etica

La leadership passa dall’etica

01/08/2014

Si deve fare di più per servire la società. Le organizzazioni sono ormai la forza trainante nel mondo. E le Rp devono lavorare perché tanto le imprese quanto i governi abbiano uno scopo morale oltre che economico. Solo da questo passa la fiducia nella leadership. Lo sostiene il presidente di _Global Alliance, Anne Gregory,_ illustrando alcuni dei temi che verranno affrontati a settembre a Madrid.

di Anne Gregory
Sto scrivendo questo articolo alla vigilia della Eid Al-Fitr, la cerimonia che segna la fine del Ramadan, il mese di privazioni, sacro ai Musulmani. La cerimonia di Eid promuove l’amore e la fratellanza e la ripresa della normale vita quotidiana.
Mentre scrivo mi trovo a riflettere sul fatto che amore, fratellanza e normalità sono concetti assenti in Palestina, Siria, Ucraina e in molti paesi in tutto il mondo. Mi sento in qualche modo costretta a prendere in considerazione ciò che la nostra professione potrebbe fare e confesso di provare un sentimento di frustrazione.
Pretendiamo di essere una grande forza per il bene nel mondo, e in effetti ci sono stati alcuni casi incredibili in cui le Rp hanno contribuito alla pace. Uno è molto vicino a casa mia, dove il lavoro instancabile di molti professionisti delle Relazioni pubbliche nelle amministrazioni locali dell’Irlanda del Nord ha creato luoghi e spazi in cui le comunità possono incontrarsi e parlare attraverso le proprie diversità e trovare vie da percorrere per porre fine al conflitto religioso e culturale. Riconosco anche le numerose campagne realizzate gratuitamente da singoli professionisti, aziende e società di consulenza. Tuttavia, dovremmo tutti ammettere che la stragrande maggioranza del nostro lavoro lo facciamo per le organizzazioni, non per la società. Dovremmo anche ammettere che molto di quel lavoro mira a promuovere prodotti e servizi piuttosto che a far comprendere a noi stessi ed ai dirigenti che non si tratta di un comportamento utile all’interesse pubblico.
È mia assoluta convinzione assoluta che si debba fare di più per servire la società. Le organizzazioni sono ormai una, forse LA forza trainante nel mondo. Alcuni dei nomi più importanti come Google, China Construction Bank, Pfizer, Coca Cola e ArcelorMittal spesso valgono più di molte economie nazionali. I governi adeguano le proprie politiche per accogliere le organizzazioni. Eppure, secondo il World Economic Forum, uno dei più gravi problemi che il mondo di oggi deve affrontare, è la mancanza di una buona leadership. Nelle aziende e nei governi la gente sta perdendo la fiducia nei leader. E perché questo? Perché la gente vede l’interesse personale, la mancanza di moralità nel processo decisionale e la determinazione nel perseguire a tutti i costi gli interessi organizzativi. Tutto questo spazza via la fiducia e corrode il tessuto della società.
Quindi la sfida per noi professionisti, che riteniamo di essere i guardiani dell’etica delle nostre organizzazioni, è quella di aumentare la posta in gioco. Dobbiamo educare noi stessi ad un livello superiore in modo da poter spiegare alle nostre organizzazioni che è necessario uno scopo morale oltre che economico, che occorre vivere avendo dei valori, schierandoci contro gli interessi puramente organizzativi che finiscono sempre con l’avere un prezzo per gli altri.
Dobbiamo anche raggiungere una visione univoca su ciò che significa per noi di mostrare leadership nelle nostre organizzazioni. Se abbiamo intenzione di servire la società (il che, per la maggior parte dei codici etici nelle nostre Associazioni, è il dovere primario), così come le nostre organizzazioni, abbiamo bisogno di confrontarci onestamente con le sfide e le contraddizioni che ci si presentano. Ciò significa che dobbiamo essere profondamente coinvolti nelle conversazioni sullo scopo ed il ruolo della nostra organizzazione e su quali basi vengano prese le decisioni. E per le nostre organizzazioni ci sarà davvero allora l’opportunità di essere leader perché essere un’organizzazione veramente comunicativa in contatto con i propri stakeholder è in costante evoluzione.
Al World PR Forum di Madrid, affronteremo le discussioni globali member news/Letter%20from%20Anne%20Gregory_general.pdf che le associazioni aderenti a Global Alliance hanno tenuto sulla leadership nel corso dei mesi preparatori all’evento. Per favore, mettiamoci in gioco, è il momento giusto per la nostra professione di parlare e fare la differenza, ma per farlo dobbiamo avere qualcosa da dire.
Fonte: Global Alliance

COMMENTI

Eventi