/media/post/ucuuedf/Varaldo-big-634x512.jpg
Ferpi > News > La nuova partita dell’innovazione

La nuova partita dell’innovazione

18/04/2015

Solo i Paesi e le imprese capaci di reinventarsi innovando sono in grado di sfruttare la crisi come leva di cambiamento politico-culturale e per un reset del modello di sviluppo dell’economia reale e del sistema delle imprese. Lo sostiene Riccardo Varaldo nel suo nuovo libro La nuova partita dell’innovazione.





L’effetto di discontinuità impresso dalla grande crisi sulle istituzioni, sulla società, sull’economia e sui mercati è tale per cui solo i paesi e le imprese capaci di reinventarsi sono in grado di sfruttare la crisi come leva di cambiamento politico-culturale e per un reset del modello di sviluppo, dell’economia reale e del sistema delle imprese. Questo significa implementare riforme e politiche che creino fiducia nel futuro ed attivino il potenziale di energie, talenti, ed eccellenze di cui l’Italia è ricca, tramite un sforzo collettivo di costruzione dell’ambiente istituzionale e socio-economico adatto per un “nuovo capitalismo imprenditoriale”, capace di sfruttare le opportunità dell’era della conoscenza e della globalizzazione.

Si gioca dunque una nuova partita dell’innovazione sia per il mutato, sfidante scenario competitivo entro cui va giocata, sia per le diverse modalità con cui oggi i processi innovativi si generano e si diffondono negli ecosistemi locali più dinamici.




La nuova partita dell’innovazione
Il futuro dell’industria in Italia
R. Varaldo
Il Mulino, 2014
pp. 248, € 22,00

COMMENTI

Eventi