/media/post/tvfarqp/2021092011383800291.jpeg
Ferpi > News > La nuova serie “Ferragnez” e perché Amazon pensa che ci piacerà

La nuova serie “Ferragnez” e perché Amazon pensa che ci piacerà

#Ferpi2Be

13/10/2021

Sara Piccione

Perché Amazon pensa che ci dovrebbe interessare quello che fanno i Ferragnez e, più in generale, gli influencer? In attesa della serie sui due influencer, l'analisi di Sara Piccione per la rubrica #Ferpi2Be.

È di pochi giorni fa l’annuncio ufficiale dell’uscita della nuova reality-serie targata Amazon Prime Video. Questa volta a lasciarci entrare, sempre più, nella loro casa e nella loro vita sono i “Ferragnez”; sicuramente la coppia più famosa, invidiata e a volte odiata, d’Italia negli ultimi anni.

La collaborazione della coppia con il colosso dello streaming non è sicuramente nuova; “Chiara Ferragni Unposted”, docu-reality sulla vita dell’influencer e imprenditrice digitale, è disponibile in esclusiva sulla piattaforma e Chiara è stata giudice del talent show “Making the Cut”, anch’esso disponibile soltanto su Amazon Prime. Fedez (Federico Lucia) invece è stato, assieme a Luis Sal, un concorrente di “Celebrity Hunted: caccia all’uomo”, oltre ad aver presentato il format “LOL- chi ride è fuori” ed essere testimonial social di Amazon Italia.

Come emerge dalla presentazione della serie, che sarà disponibile da dicembre, questa nuova uscita sarà differente. Vedremo infatti riunita tutta la famiglia “Ferragnez” in un periodo particolare della vita della coppia, caratterizzato dalla seconda gravidanza di Chiara, dalla vittoria dell’Ambrogino d’oro e dalla partecipazione di Fedez, con Francesca Michielin, al festival di Sanremo. Ovviamente il tutto sarà inserito nel ben poco consueto contesto della pandemia. Compariranno quindi sui nostri schermi le sorelle di Chiara (Valentina e Francesca, influencer a loro volta) e i loro compagni, l’amata nonna di Fedez Luciana e i genitori dei due coniugi, che molto spesso li seguono e sostengono.

La nuova collaborazione ha, com’era prevedibile, stimolato gli entusiasmi, ma anche molte critiche.

Il format proposto da Amazon non è del tutto nuovo, ricorda “Al passo con i Kardashian”, docu-serie televisiva sulle vicende della famiglia Kardashian-Jenner, probabilmente la più famosa degli Stati Uniti.

In Italia però non si era ancora visto nulla di simile, e forse il mercato italiano non è abituato a prodotti streaming che si prospettano essere così “no filters”, per usare un linguaggio social.

Una delle scelte che farà sicuramente più discutere, è quella di includere nella serie anche i figli della coppia (inevitabile considerata la natura del format, pensato per mostrare la realtà della loro vita, che include indiscutibilmente anche i bambini).

Leone e la neonata Vittoria saranno così esposti non più solo alle telecamere degli smartphone dei loro parenti e genitori, ma anche a quelle di un colosso dello streaming mondiale.

Le scelte della coppia Ferragni-Lucia in merito di figli sono, tipicamente, quelle che procurano più ondate di indignazione e commenti al vetriolo alla coppia; segno forse dell’attaccamento molto tradizionale degli italiani alla famiglia, vista come un luogo di condivisione a sé stante, vicende della quale vanno tenute private.

La domanda sorge, a questo punto, spontanea: perché Amazon pensa che ci dovrebbe interessare quello che fanno i “Ferragnez” e, più in generale, gli influencer? Il pettegolezzo non è di certo una novità; ciò che una volta veniva raccontato in esclusiva soltanto da giornali scandalistici e salotti tv oggi viene rivelato dai diretti o dalle dirette interessate sui social, dove spesso l’engagement generato determina cospicue entrate e collaborazioni pubblicitarie milionarie a coloro che condividono la propria vita in post, stories e reel.

Ma allora, se già vediamo tutto, o quasi tutto, attraverso lo schermo dello smartphone, perché una serie-reality dovrebbe essere qualcosa di diverso? Forse una delle molte risposte possibili a questa domanda è che i social non sono più, o forse non sono mai stati, abbastanza “reali”.

Sembra un’assurdità, un mezzo creato per condividere la propria vita senza intermediari e senza censure, che viene accusato di non essere abbastanza vero; eppure, è sempre più evidente la distorsione che i social possono determinare nella percezione delle vite altrui.

La lente di Instagram, Tik Tok, Facebook e molti altri rende tutto più bello, perfetto... “instagrammabile” appunto.

Anche grazie alle campagne degli ultimi anni, che cercano di far capire, soprattutto ai fruitori più giovani, che non tutto ciò che vediamo sui social è necessariamente vero, le persone hanno sviluppato un interesse verso quello che c’è oltre il profilo sociale delle persone e, soprattutto, degli influencer più famosi.

Gli stessi “Ferragnez” hanno, più e più volte, dovuto ribadire che dietro i loro profili non c’è il lavoro di un team guidato da un social media manager, ma che sono loro stessi a gestirli, facendo anche notare che sarebbe impossibile avere qualcuno costantemente pronto a seguirli anche nei momenti più intimi che condividono e che si occupi di far sembrare il tutto così spontaneo come appare nei loro profili.

Queste dichiarazioni sembrano però non convincere molte persone, soprattutto chi non segue la coppia con costanza ma sente, inevitabilmente, parlare di loro da giornali, telegiornali e programmi tv.

Forse allora questa nuova collaborazione con Amazon Prime è frutto di una riflessione volta ad individuare e soddisfare il bisogno del pubblico di “conoscere la normalità” senza il filtro del social, percepito come limitante in questo senso. Le persone sembrano non voler più percepire la distanza tra sé stesse e i personaggi di spicco del momento, gli influencers, ma la vicinanza, le similitudini e le imperfezioni che li accomunano a tutti gli altri.

Se c’è una cosa alla quale i social ci hanno abituato infatti, è la sensazione di poter comunicare con i personaggi famosi e conosciuti, in un modo differente da quello di una volta, accorciando di molto le distanze. Questa necessità di conoscere a fondo chi riteniamo degno di attenzione è quindi lievitata, ed è stata certamente individuata da moltissime aziende, tra cui Amazon.

Se quindi la nuova reality-serie soddisferà questi bisogni di realtà e vicinanza, o se invece amplificherà la sensazione di star guardando qualcosa di montato, avremo modo di scoprirlo soltanto a dicembre.

COMMENTI

Eventi