Ferpi > News > La valorizzazione degli stakeholder attraverso il Bilancio Sociale

La valorizzazione degli stakeholder attraverso il Bilancio Sociale

06/12/2005

Segnaliamo la tesi di laurea di Elena Pesaresi.

Proprio in concomitanza con l'appena conclusa edizione dell'Oscar di Bilancio 2005, segnaliamo la tesi di laurea di Elena Pesaresi, appena laureatasi all'Università Politecnica delle Marche (Corso di Laurea Specialistica in Organizzazione Sociale e Non Profit) con una ricerca dedicata al Bilancio Sociale e alla sua funzione di valorizzazione degli stakeholder di un'organizzazione. 
Di seguito una sintesi della tesi che sarà reperibile anche nella sezione permanente dell'Archivio Conoscenze.
La valorizzazione degli stakeholders attraverso il Bilancio Sociale.Il caso della P.A. Croce Verde di Castelfidardo Onlus.
Sintesi della tesi di laurea
elenix81@libero.itUniversità Politecnica delle Marche Facoltà di EconomiaCorso di Laurea Specialistica in Organizzazione Sociale e Non ProfitAnno Accademico 2004/2005
La tesi affronta la tematica del Bilancio Sociale, quale strumento di comunicazione e rendicontazione sociale che trova fondamento e motivazione nel concetto di etica e di Responsabilità Sociale d'Impresa.
L'obiettivo del lavoro è verificare che il Bilancio Sociale non sia soltanto un documento cartaceo, ma il risultato di un processo che permette all'organizzazione di crescere e di valorizzare il rapporto con i propri interlocutori (stakeholders), di creare ricchezza e "valore aggiunto" nei confronti della società. Solo attraverso il coinvolgimento di tutti i portatori di interessi dell'azienda è possibile riscontrare un miglioramento nelle relazioni e nella qualità sociale: emerge quindi l'importanza del Bilancio Sociale quale strumento di comunicazione e il monitoraggio delle utilità sociali prodotte dall'azienda.
Nel primo capitolo si vuole fornire al lettore un quadro generico per contestualizzare la Responsabilità Sociale presso le organizzazioni senza scopo di lucro e le modalità di rendicontazione della stessa.
Nel secondo capitolo  si presentano i modelli di riferimento per la redazione del Bilancio Sociale, maggiormente diffusi in Italia.
Nel terzo capitolo si approfondiscono aspetti normativi e gestionali del terzo settore.
Nel quarto capitolo si tratta un caso specifico di Bilancio Sociale di un'azienda non profit.In particolare si tratta di un'organizzazione di volontariato, la P.A. Croce Verde di Castelfidardo ONLUS (An), un ente di erogazione di servizi di pronto soccorso, protezione civile, assistenza ed erogazione di trasporti sociosanitari. La scelta di redigere un bilancio sociale è dovuta alla volontà di migliorare la qualità dei servizi erogati, di monitorare la propria attività, e di valorizzare gli stakeholders.In particolare si illustra il processo che ha portato alla redazione del Bilancio Sociale 2003 e si approfondiscono le caratteristiche e i tratti distintivi del documento prodotto.
 Elena Pesaresi

COMMENTI

Eventi