/media/post/ftelgat/polizza.jpg
Ferpi > News > Parole, soltanto parole? I rischi per il professionista di Rp

Parole, soltanto parole? I rischi per il professionista di Rp

23/10/2015

Giampietro Vecchiato

Come non essere denunciati per un comunicato stampa? Può sembrare un’esagerazione ma anche un comunicatore corre quotidianamente dei rischi. Per questa ragione, Ferpi  ha attivato un’assicurazione di Responsabilità Civile professionale riservata ai soci, prima convenzione di settore in Italia.

Esistono categorie professionali più rischiose di altre, questo è indubbio.

Basti pensare all’attività giornaliera di un cardiochirurgo: è sufficiente una manovra sbagliata, e c’è una vita in gioco. Senza essere troppo tragici, se un ingegnere  compie degli errori di calcolo provoca il crollo di una struttura. Ogni professione è soggetta a rischi, con modalità diverse e peculiari a ogni ambito. Non sempre il danno causato si manifesta concretamente, come nel caso di lesioni fisiche o difetti strutturali.

Le Relazioni Pubbliche vivono di parole, di incontri, di rapporti interpersonali. E le parole, a volte, possono risultare quasi più pericolose di un bisturi ben affilato. Sbagliare l’indirizzo di una mail contenente informazioni riservate; omettere il nome di un relatore all’interno degli inviti a una conferenza; inserire dei contenuti non veri e non verificati nelle slide di una presentazione; indicare la data sbagliata di un evento nel comunicato stampa; diffondere notizie che non si è autorizzati a pubblicare e che possono favorire operazioni di insider trading, ma anche la perdita di documenti, casi di diffamazione (anche involontaria), di violazione della privacy, di dolo da parte dei dipendenti o collaboratori. Sono tutti errori dannosi per la propria carriera per i professionisti di Relazioni Pubbliche: errori che possono comportare un ingente esborso di denaro per risarcimenti o sanzioni, o il rischio di dover rispondere a denunce, essere citati in procedimenti giudiziari o addirittura rischiare l’arresto.

Per tutti questi motivi Ferpi ha attivato un’assicurazione di Responsabilità Civile professionale riservata ai soci, prima convenzione di settore in Italia.

I clienti si sentiranno garantiti dal fatto che chi lavora per loro è assicurato e il professionista allo stesso tempo potrà lavorare serenamente perché sa che in ogni caso la polizza assicurativa lo aiuterà ad uscire da situazioni spiacevoli, coprendo economicamente il danno derivante dall’esercizio della sua attività. È una spesa quindi che non solo è necessaria, ma anche utile per la propria tranquillità, sia economica che psicologica.

Inoltre, il costo della polizza si abbassa notevolmente se l’acquisto avviene in forma collettiva: è il caso della convenzione attivata a favore di tutti gli iscritti dalla FERPI, che ha un costo molto contenuto. Per ulteriori informazioni, potete consultare la polizza stipulata con la compagnia assicurativa AIG Europe e la lettera di Uni Brokers Assicurazioni indirizzata ai soci Ferpi.

COMMENTI

Eventi