Ferpi > News > A BledCom 2011 focus sulla comunicazione interna

A BledCom 2011 focus sulla comunicazione interna

11/07/2011

Due intensi giorni di discussione dedicati alla comunicazione con i dipendenti, quelli che si sono svolti a Bled, in Slovenia. Accademici, ricercatori e studiosi di Rp, con una significativa presenza italiana, si sono incontrati per il tradizionale simposio. Appuntamento il prossimo anno con il tema dello stato della professione, a 10 anni dal Bled Manifesto.

di Toni Muzi Falconi
Le relazioni e la comunicazione con i dipendenti, nel più ampio contesto delle relazioni pubbliche, sono stati materia di due giorni intensi di discussioni al simposio di Bled che si svolge da 18 anni nella bellissima località Slovena.
Per la prima volta 120 accademici, studiosi e professionisti dalla Cina, Nuova Zelanda, Australia, India, Sud Africa, Kenya, Italia, molti paesi dell’Est, del Nord, del Centro e del Sud Europa, dell’America Latina e del Nord America hanno presentato ricerche, casi, saggi di vario genere, ma tutti di buon livello, qualcuno di ottimo livello.
Per l’Italia (Ferpi) hanno presentato Emanuele Invernizzi, Stefania Romenti, Sara Secomandi e hanno partecipato anche Anna Adriani e Christine Pascolo, oltre all’autore di questa nota.
“Clicca qui”*:http://www.bledcom.com/home/programme per consultare il programma.
Alcune brevi considerazioni:

Il Presidente Sloveno si è presentato come il maggiore comunicatore interno della Nazione e, con garbo e intelligenza, ha spiegato come obiettivo ultimo di una comunicazione interna è favorire, sviluppare e coltivare un senso di identità collettiva intorno ai valori dell’organizzazione (in questo caso lo Stato).
Steve Doswell, inglese, presidente della Federazione Europea delle associazioni dei comunicatori interni (in Italia è l’Ascai, ma non era rappresentata a Bled), ha focalizzato il suo intervento sulla maturazione dei comunicatori interni come professionisti e sulla comunicazione interna come professione a sé. Naturalmente questo intervento a indotto alcuni dei presenti ad argomentare che la comunicazione interna fa parte della professione delle relazioni pubbliche e che la progressiva integrazione, anche organizzativa fra interno ed esterno, rende obsoleta questa distinzione.
John Smythe, inglese, fondatore di Engage for Change e ottimo affabulatore, ha fatto l’intervento più suggestivo del simposio illustrando come la comunicazione interna sia lo strumento più importante per quella che oggi appare essere la materia manageriale più frequentata dalle organizzazioni: il change management.

Per l’anno prossimo (6 – 7 luglio 2012) è annunciato un tema che celebrerà il decennale della uscita del celebre Bled Manifesto del 2002: Public Relations and Communication Management: The State of the Profession.
Clicca qui per il call for papers.
La speranza è che Ferpi voglia cogliere questa opportunità per resentare un proprio paper collettivo raccontando il caso dell’applicazione degli Accordi di Stoccolma al contesto italiano.

COMMENTI

Eventi