Ferpi > News > Accordi di Stoccolma: primi incontri con docenti e studenti

Accordi di Stoccolma: primi incontri con docenti e studenti

10/05/2011

Continua il lavoro del gruppo Ferpi per gli Accordi di Stoccolma, questa volta in ambito accademico. Vicenza e Roma le prime tappe di un road show che toccherà le principali università italiane per incontrare studenti e docenti e sollecitare l’integrazione del documento con i programmi di formazione.

di Michele Toscano
Nel quadro delle attività del gruppo Ferpi per gli Accordi di Stoccolma, si sono svolti in questi giorni i primi due degli incontri previsti in diverse Università sugli Accordi e sui nuovi scenari della professione delle Relazioni Pubbliche, organizzati dal gruppo Educational Community.
Gli obiettivi del gruppo Educational sono la diffusione e l’incremento di familiarità e conoscenza dei contenuti chiave degli Accordi e del valore della professione delle Relazioni Pubbliche presso docenti e studenti di RP, Comunicazione e discipline affini in Università e enti di formazione pubblici e privati, sollecitando l’integrazione di questi stessi contenuti nei programmi di insegnamento e la realizzazione di confronti, riflessioni ad hoc, tesi di laurea.
Dopo un attenta analisi degli stakeholder e dei contenuti chiave, si sono svolti e si svolgeranno nel corso di questi mesi una serie di contatti one-to-one e riunioni con docenti in diverse sedi accademiche.
In questa prima fase docenti di diverse facoltà sono particolarmente interessati nel comprendere il contributo che gli Accordi apportano alle RP, come si stia evolvendo la professione e come i temi di argomentazione degli Accordi trovino applicazione in attività e progetti di RP di agenzie e all’interno delle organizzazioni.
Un riscontro positivo che si è tradotto in una serie di incontri con gli studenti (alcuni già svolti e altri in programma) nell’ambito di diversi corsi universitari a conclusione di questo secondo semestre accademico e che proseguiranno nel corso del prossimo anno accademico.
Il primo incontro si è svolto il 2 maggio nell’ambito del corso di Relationship Marketing di Paola Signori e Barbara Gaudenzi presso la facoltà di Economia dell’Università di Verona, sede di Vicenza. Anna Pelucchi, senior consultant di Soluzione Group srl, ha illustrato agli studenti il ruolo del professionista di Relazioni Pubbliche nelle organizzazioni odierne e i nuovi scenari della professione che emergono dagli Accordi, per poi interagire con loro attraverso una serie di casi studio relativi a progetti affrontati dall’agenzia. L’incontro è stato centrato dunque soprattutto sulle competenze del professionista di Relazioni Pubbliche alla luce degli Accordi di Stoccolma, trattandosi di studenti di un corso della Facoltà di Economia.
Il giorno dopo si è svolto invece l’incontro nell’ambito del modulo Dalle politiche agli strumenti di comunicazione. Focus su imprese & cultura di Valentina Martino, presso la facoltà di Scienze della Comunicazione dell’Università La Sapienza di Roma. Elisa Greco, delegato nazionale Ferpi per la Comunicazione Culturale, dopo aver presentato agli studenti la Ferpi, ha argomentato i principali contenuti chiave degli Accordi di Stoccolma, con un approfondimento su Etica e Comunicazione Culturale. In questo caso l’interesse degli studenti, provenienti da una facoltà di Scienze della Comunicazione e dunque maggiormente a conoscenza di strumenti e competenze di Comunicazione esterna, si è focalizzato in particolare sui temi della Sostenibilità e della Governance affrontati dagli Accordi, con l’intento di comprendere come le Relazioni Pubbliche possano apportare un valore aggiunto su questi due temi strategici per le organizzazioni odierne.
In entrambi gli incontri l’interesse per la Ferpi e per le sue attività è stato notevole, e alta è stata l’attenzione rivolta verso i nuovi scenari della professione con il desiderio di approfondire ulteriormente in futuro i temi affrontati.
Sono emersi dunque utili spunti di riflessione. Altri incontri sono previsti entro la fine del mese in altre sedi universitarie, che consentiranno di fare una prima valutazione su come sia percepito il valore della professione e recepiti gli Accordi di Stoccolma nel mondo accademico.

COMMENTI

Eventi