Ferpi > News > Affaritaliani.it

Affaritaliani.it

26/04/2012

Informazione integrata e notizie in costante aggiornamento fanno di Affaritaliani.it, il primo quotidiano online d’Italia, nato per volontà di _Angelo Maria Perrino,_ nel 1996, un esempio di informazione di qualità che crea valore aggiunto al panorama complesso della comunicazione online.

Nato nel 1996 per volontà dell’attuale direttore Angelo Maria Perrino, stanco del mondo della carta stampata e pronto a lanciarsi nella sfida di un giornalismo basato su notizie fornite in tempo reale, Affaritaliani.it è il primo quotidiano online nato in Italia.
Ad oggi il giornale conta una redazione centrale composta da quindici persone coadiuvata da cento collaboratori e, stando ai dati forniti da Nielsen, registra 600 mila visitatori al giorno e detiene una media di 200 milioni di pagine visitate al mese.
Nell’homepage del sito si trovano le ultime notizie aggiornate, corredate da immagini e video, una sezione dedicata agli editoriali e le anticipazioni tratte dalle varie sezioni e rubriche proposte dalla redazione, tra queste, oltre alle sezioni classiche quali politica, cronache, economia e sport si può accedere ad altre legate a tematiche di attualità come ad esempio il sociale e green dedicate rispettivamente a tematiche di rilevanza sociale e questioni di ecologia e sostenibilità.
Sempre tramite l’homepage l’utente può accedere alla sezione sondaggi e a quella relativa agli articoli più letti e commentati dai lettori, oltre che alle pagine di informazione locale Romaitalia, Milanoitalia, Emiliaromagnaitalia,* Pugliaitalia.
Inoltre, per i lettori più esigenti, la redazione mette a disposizione un’edizione speciale di Affaritaliani.it scaricabile in Pdf dal titolo Cinqueallecinque, una raccolta dei fatti più rilevanti avvenuti nel pomeriggio.
Come tutti i quotidiani anche Affaritaliani.it è consultabile dal cellulare ed ha imboccato la strada dei social network: le notizie del primo quotidiano online della storia italiana sono dunque consultabili anche su Facebook e Twitter.

COMMENTI

Eventi