/media/post/hq8sehg/b08305-ANQUCGPY.jpg
Ferpi > News > Armi di distruzione matematica

Armi di distruzione matematica

02/10/2017

E se gli algoritmi fossero “armi di distruzione matematica”? Dai loro impatti negativi sulla vita di molte persone mette in guardia Cathy O'Neil esponendo i rischi della discriminazione algoritmica a favore di modelli matematici più equi ed etici.

Lungi dall'essere modelli matematici oggettivi e trasparenti, gli algoritmi che ormai dominano la nostra quotidianità iperconnessa sono spesso vere e proprie armi di distruzione matematica: non tengono conto di variabili fondamentali, incorporano pregiudizi e se sbagliano non offrono possibilità di appello. Queste armi pericolose giudicano insegnanti e studenti, vagliano curricula, stabiliscono se concedere o negare prestiti, valutano l'operato dei lavoratori, influenzano gli elettori, monitorano la nostra salute.

Basandosi su case studies nei campi più disparati ma che appartengono alla vita di ognuno di noi, Cathy O'Neil espone i rischi della discriminazione algoritmica a favore di modelli matematici più equi ed etici, perché ''la matematica merita ben altro di queste armi di distruzione, e altrettanto la democrazia''.




 

Armi di distruzione matematica
Come i big data aumentano la disuguaglianza e minacciano la democrazia
di Cathy O'Neil
Bompiani, 2017
pp. 368, € 18,00


COMMENTI

Eventi