/media/post/hsh4sud/notte-fontana-di-trevi-796x512.jpg
Ferpi > News > Beni culturali e mercato: missione (im)possibile?

Beni culturali e mercato: missione (im)possibile?

08/10/2015

Roberto Grossi, manager culturale e presidente di Federculture e Salvatore Settis, archeologo-storico dell’arte, intervistati da Eliana Liotta, giornalista di Sette – Corriere della Sera, saranno i protagonisti del prossimo incontro di “Segnavie”, in programma a Padova il prossimo 15 ottobre.

 

Saranno il manager culturale e presidente di Federculture dell’Accademia di Belle Arti di Roma, Roberto Grossi, e l’archeologo-storico dell’arte di fama mondiale, Salvatore Settis, ex direttore del Getty Research Institute a Los Angeles, i protagonisti del prossimo incontro di “Segnavie”, ciclo di conferenze promosso e organizzato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Padova e Rovigo.

Giovedì 15 ottobre alle ore 17.45 nell’Auditorium del Centro Culturale San Gaetano (Via Altinate, 71) di Padova, Grossi e Settis, intervistati dalla giornalista di Sette – Corriere della Sera, Eliana Liotta, si confronteranno da posizioni differenti sulle strategie da adottare rispetto alla costante riduzione degli investimenti pubblici e privati in cultura, in un Paese come l'Italia che vanta un patrimonio artistico e culturale tra i più rilevanti al mondo.

Che fare? Di fronte a questa domanda, le risposte si collocano su un asse che ha, ad un estremo, la conservazione del patrimonio artistico e, all’altro, la sua valorizzazione. Partendo dalla scarsità di risorse economiche disponibili, dovremmo investire di più nella conservazione o nella promozione del nostro patrimonio artistico? E, se si ritiene opportuno investire in entrambi, in che misura dovremmo finanziare l’uno e l’altro? Risponderanno a queste e a tante altre domande sul tema gli ospiti del quarto appuntamento di Segnavie 2015.

Ingresso libero e gratuito fino ad esaurimento posti.

 

 

COMMENTI

Eventi