Ferpi > News > Cadbury-Schweppes: ascoltando il Web 2.0

Cadbury-Schweppes: ascoltando il Web 2.0

29/08/2007

L'osservazione dei segnali provenienti dagli utenti web spinge alcune compagnie a rivitalizzare vecchi brand. E' il caso della Cadbury-Schweppes

Un brand è un brand grazie ai consumatori. Sono loro a decidere se un marchio sarà famoso, se è suggestivo, se funziona, se è forte o annacquato. E le aziende si sono rese conto che dal cosidetto web sociale, quello interattivo e di prossima generazione, possono trapelare preziosi consigli. E' il caso di Cadbury, che ha deciso di rianimare la vecchie barrette di cioccolato Wispa proprio ascoltando la rete.
Una comunità di circa 14 mila persone ha chiesto all'unisono di far tornare Wispa e l'azienda ha deciso di seguire questa indicazione. Potrebbe essere una tendenza? In tutti i casi è importante registrare il segnale e vedere come il social network inizia a far sentire la propria voce anche dal punto di vista commerciale.
Non è la prima volta chiaramente che il settore corporate osserva internet e ne accetta i consigli: basti pensare a come ormai vengono monitorati con scrupolo e attenzione i blog. Ma mai si era arrivati a una sorta di decisione del web, per cui alla fine l'azienda ha deciso di introdurre nuovamente il prodotto ascoltando semplicemente gli umori del social web. La Cadbury ha identificato 93 gruppi di utenti su Facebook che reclamavano il ritorno di Wispa, scovando addirittura dei video su You Tube o altri siti di video sharing.
Migliaia di altri consumatori si sono poi uniti alla petizione online e il movimento pro-Wispa ha anche trovato un suo alter ego in carne e ossa che, nel corso del Glastonbury music festival ha manifestato affinchè la famosa barretta tornasse sugli scaffali dei negozi.
Ora la decisione dell'azienda è cauta e sceglie di ascoltare il popolo del web 2.0 ma usando anche un pò di prudenza, anche considerati i (molti) motivi per cui il prodotto venne tolto dal mercato. E intanto si crea un precedente importante in fatto di marketing e cresce la forza del social netowork.
Redazione Totem - Emanuela Di Pasqua

COMMENTI

Eventi