Ferpi > News > Com.Bo: la comunicazione deve essere più a misura d'impresa

Com.Bo: la comunicazione deve essere più a misura d'impresa

27/09/2012

Dalla manifestazione bolognese sulla comunicazione emerge la necessità di proporre soluzioni calate sulle realtà aziendali e rapportate al territorio “per aiutare le imprese di ogni dimensione verso un processo di apprendimento e di formazione specifica soprattutto dedicata alla nuova cultura digitale”, come ha sostenuto _Filippo Bertacchini,_ delegato Emilia – Romagna di Ferpi.

L’e-commerce, vera frontiera per il futuro registra un + 18% di trend di crescita destinato a salire. Facile, immediato… tutto con un click? Falso! Giuseppe Covino, Ceo di Mollusco & Balena, ha chiaramente messo in guardia le imprese da vizi e problematiche sistematicamente ricorrenti quando alla base mancano due elementi fondamentali:la professionalità e l’investimento.
W i Social, W il Buzz… tutte le imprese su Facebook? La risposta è no, senza una coerenza comunicativa interna e una reale consapevolezza di poter mantenere i messaggi promessi al mercato è meglio non apparire.
Questo l’incipit del workshop dedicato alle Digital Pr dove Rossella Lucangelo, Ceo di Pragmatika ha chiaramente identificato una vera e propria check list di domande alle quali ogni imprenditore che desiderasse utilizzare il mondo Social per la diffusione del suo brand e dei suoi valori aziendali, dovrebbe necessariamente rispondere per capire chiaramente se ha le carte in regola per cavalcare l’onda.
Filomena Rosato, Vice Presidente Assorel ha inoltre sottolineato l’importanza della reputazione come primo asset di valore in un’economia di mercato e quanto essere riconoscibili e percepiti dai propri pubblici di riferimento è l’elemento chiave di chi vive nel mercato globalizzato.
Ma tutte queste milioni di APP sono effettivamente utili? Fenomeno del momento o reale strumento di Business? Il Prof. Vittorio Capecchi , docente della Facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bologna, ha illustrato un percorso chiaro ed efficace all’’uso dello strumento.
La realtà aumentata raccontata da Antonio Grassi, sviluppatore di Realtà Aumentata e Claudio Frigerio, Responsabile Commerciale DAC Studio ci ha catapultati nel futuro. Il marketing non convenzionale si avvarrà di uno strumento nuovo e di grosso impatto emotivo che rivoluzionerà la piatta presentazione dei prodotti sul web.
Primi su Google tenuto da Marco Borrega, Ceo di_ Made4Media,_ società specializzata in SEO e Francesco Tinti, Google adWords Consultant hanno spiegato chiaramente le logiche di posizionamento sul web identificando un chiaro percorso che evidenzia i passi principali indispensabili, spesso ignorati, che partono dall’analisi del sito e del suo codice sorgente per poi arrivare alla identificazione delle parole chiavi.
Gli eventi, sempre più momenti di aggregazione, di condivisione di obiettivi commerciali, di vetrine importanti per il lancio di nuovi servizi e prodotti. A patto che siano creativi, indimenticabili, interattivi e che lascino un ricordo indelebile nella mente dell’ospite…*Stefano Soglia*, consulente in marketing dei servizi, ha trattato l’argomento tracciando la strada della filiera organizzativa necessaria alla creazione di un evento di successo.
Green Revolution, non ne possiamo fare a meno. Il workshop tenuto da Marcella Tusa si è concentrato sull’importanza di pensare all’eco sostenibilità come ad un vero e proprio modus vivendi, una filosofia di vita che coniughi innovazione tecnologica e responsabilità etica. La responsabilità sociale diventata oggi imperativo per aziende, istituzioni e cittadini.
Ha concluso la giornata il workshop Video Virali: tra edutainment e passaparola. Attraverso la storia di youtube – e non solo – Guido Ghedin, Editor & Research per Young Digital Lab, ha illustrato l’evoluzione dei video virali e dei meccanismi che ne innescano la diffusione, sottolineando come il “genere” abbia influenzato la comunicazione dei brand.
Questi alcuni dei contenuti trattati lo scorso 18 settembre a COM.BO, l’area Communications di FARETE, la manifestazione promossa da Unindustria Bologna in collaborazione con Legacoop, per incrementare il networking tra le imprese del territorio. Una prima edizione, patrocinata da Ferpi, Assorel, Assocomunicazione, UPA, Netcomm e Confindustria Intellect, che si è conclusa con numeri importanti. Una formula nuova che, per la prima volta, oltre a esprimere una guida all’approccio della materia in termini di business, ha dato chiare spiegazioni sui fattori critici che le attività di comunicazione, se non progettate ed erogate da esperti di settore, possono avere un impatto decisamente negativo sia sull’impresa stessa, sia sul mercato creando perdite anziché profitti. Il Presidente di Assorel, Beppe Facchetti e il delegato Regionale Ferpi, Filippo Bertacchini, hanno sottolineato l’importanza di un evento dedicato alla Comunicazione per guidare le Imprese di ogni dimensione verso un processo di apprendimento e di formazione specifica soprattutto dedicata alla nuova cultura “digitale”.
Un battesimo che lascia intendere non solo una prossima edizione, ma anche momenti intermedi di confronto dove potranno essere affrontati altri temi relativi ai processi comunicativi di interesse e di utilità per le imprese, con nuove partnership tra Com.Bo., Assorel Academy e Ferpi.

COMMENTI

Eventi