Ferpi > News > Come farsi cacciare dai cacciatori di teste

Come farsi cacciare dai cacciatori di teste

14/05/2009

È il titolo del libro scritto a quattro mani da un noto head hunter, Vito Gioia, e da un comunicatore, Attilio De Pascalis, entrambi colleghi della Ferpi. Il libro, edito da “Il Sole 24 Ore”, è un pratico vademecum su come costruirsi una buona reputazione e come affrontare i colloqui con head hunter e imprese.

In Italia ci sono circa 200.000 manager, dirigenti e quadri. Ogni anno (in periodi normali) circa uno ogni venti cambia lavoro. Emigra in un’altra azienda. O indossa un abito nuovo nello stesso gruppo.
In circa un terzo dei traslochi entra in gioco un head hunter. Per molti manager, quindi, la telefonata di un cacciatore di teste segna spesso una svolta professionale decisiva.


Come fare carriera e finire, quindi, nel mirino dei cacciatori di teste? È quanto spiega per la prima volta il libro “Come farsi cacciare dai cacciatori di teste” (editore “Il Sole 24 Ore”, 153 pag, aprile 2009), in vendita nelle principali librerie e su Internet.


Un volume scritto a quattro mani da un noto head hunter, Vito Gioia, managing partner di ASA Amrop (sesto gruppo mondiale del settore) e da un comunicatore, Attilio De Pascalis, entrambi soci Ferpi.


Una guida sulla carriera “sostenibile”, per manager e aspiranti tali. Aziende e cacciatori di teste, infatti, cercano persone di successo e di equilibrio.


Il libro, di agile lettura, è ricco di consigli ed esempi. Un manuale che rivela, per la prima volta, come lavorano i cacciatori di teste. Cosa fare e cosa evitare. Un pratico vademecum su come costruirsi una buona reputazione e come affrontare i colloqui con head hunter e imprese.


Per diventare una possibile preda bisogna, innanzi tutto, cercare di farsi strada nella giungla aziendale. Ma, attenzione, mantenendo un buon bilanciamento con la vita privata.
Alle aziende interessano persone di successo, che sappiano vivere e vincere con gli altri. Non robot o schiacciasassi.


Ma acrobati, equilibristi, contorsionisti, trapezisti, cavallerizzi e domatori d’impresa.
Uomini e donne con solidi principi. Una valida preparazione. Una reputazione impeccabile. Comprovate capacità. E risultati eccellenti.



(Clicca sull’immagine per ingrandirla)








Come farsi cacciare dai cacciatori di teste
di Vito Gioia e Attilio De Pascalis
editore “Il Sole 24 Ore”
153 pagine
aprile 2009

COMMENTI

Eventi