Ferpi > News > Come i partiti comunicano attraverso la rete

Come i partiti comunicano attraverso la rete

10/12/2008

Ore di navigazione per fare il punto su come i partiti presenti in Parlamento comunicano attraverso la rete. La situazione italiana nei risultati del Monitoraggio 2008 dell’Università degli Studi di Udine, condotto dal prof. Francesco Pira a capo del Gruppo di lavoro del CdL in Rp.

«L’edizione 2008 del Monitoraggio dei siti politici affronta per la prima volta un quadro politico fortemente modificato dalle ultime elezioni politiche che hanno visto la drastica riduzione del numero di partiti e movimenti politici rappresentati nell’arco parlamentare. Il nuovo assetto che si è venuto a creare è la motivazione di base per la quale quest’anno il monitoraggio prende in esame soli i maggiori partiti rappresentati in Parlamento, con l’obiettivo di verificare non solo lo stato dell’arte dei siti, con due nuovi partiti, ma anche di verificare gli stili comunicativi che alla luce di quanto emerso si sono rivelati alquanto diversi gli uni dagli altri». Lo afferma il professor Francesco Pira, coordinatore del gruppo di ricerca del corso di laurea in Relazioni pubbliche della facoltà di Lingue dell’Università di Udine che ha prodotto il Monitoraggio 2008 sui siti web politici italiani.


Ore di navigazione per fare il punto su come i partiti presenti in Parlamento comunicano attraverso la rete. «Non notiamo grandi sconvolgimenti in Italia – ha spiegato Pira – mentre negli Stati Uniti e in Francia registriamo un uso della rete molto diverso. Degli sforzi sono stati fatti in particolare dal Partito Democratico, dal Popolo delle Libertà e dall’Italia dei Valori. La Lega Nord ha recepito le nostre critiche dello scorso e ha apportato alcune importanti modifiche.


L’Udc invece abbiamo l’impressione che non creda molto sulla rete». Tra le curiosità che vengono rilevate nella ricerca anche la possibilità per tutti gli utenti della rete di registrare il consiglio comunale della propria città o del proprio paese e pubblicarlo sul portale dell’Italia dei valori.


«Lo sviluppo che i portali politici – conclude il professor Pira, sociologo della comunicazione – hanno avuto negli ultimi mesi è a più vie. Il Pd e l’Italia dei Valori si avvicinano sempre di più ai loro potenziali elettori spingendo su una sorta di struttura dialogante. Quella del Popolo della Libertà, ricca di contenuti è più protesa a far vivere una struttura di indottrinamento e di servizio che non sempre tiene conto delle esigenze di interazione con l’elettore, anche non fidelizzato. La Lega Nord utilizza il web come ulteriore strumento di mobilitazione. L’Udc non ha fatto alcuna modifica rispetto al 2007».


In allegato il dettaglio di ogni sito politico 2008


L’intera ricerca è scaricabile dal sito www.francescopira.it



Un apprezzamento per il lavoro di ricerca dell’Università di Udine coordinato dal professor Francesco Pira, è stato anticipato in un ampio articolo pubblicato lunedì 8 dicembre a pagina 11 del Sole 24 Ore, scritto da Fabrizio Patti, e intitolato: La rete dei partiti ancora piena di buchi


L’articolo in allegato.



Agli inizi di settembre abbiamo presentato su questo sito, inoltre, Siti web istituzionali: ancora indietro rispetto all’Europa i risultati del Monitoraggio 2008 dell’Università degli Studi di Udine, condotto dal Gruppo di lavoro del Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche dal quale sono emersi i promossi e i bocciati del web delle maggiori istituzioni italiane.



Per ulteriori informazioni:


Prof. Francesco Pira – Docente di Comunicazione e Relazioni Pubbliche
Università degli Studi di Udine – Facoltà di Lingue e Letterature Straniere
Corso di Laurea in Relazioni Pubbliche
Centro Polifunzionale di Gorizia
Via A. Diaz, 5 34170 Gorizia
Tel 0481 580345 (diretto studio) Fax 0481 580330
francesco.pira@uniud.it
www.francescopira.it

COMMENTI

Eventi