/media/post/qv7s8cc/video-796x512.jpg
Ferpi > News > Come produrre un video, dal brief al montaggio. Un laboratorio per professionisti di Rp

Come produrre un video, dal brief al montaggio. Un laboratorio per professionisti di Rp

17/07/2015

Alessandra Fornaci

Chi opera professionalmente nelle Rp e nella comunicazione è tenuto a mantenere una consapevolezza precisa del proprio specifico professionale per ideare, pianificare e controllare una produzione di contenuti di qualità. A questa esigenza di aggiornamento si intende dare risposta con il Laboratorio di produzione advanced, in calendario prossimo 24 settembre a Torino.

Grazie alle tecnologie digitali ogni individuo con una minima alfabetizzazione informativa può diventare potenziale produttore e distributore di contenuti grazie alla “miniaturizzazione dei device tecnologici e all’aumento delle connessioni mobili. Con la diffusione dell’uso dei social network siamo entrati in quella che il Censis ha definito “era biomediatica” per il dilagante fenomeno della trascrizione e condivisione telematica delle biografie personali attraverso queste nuove “agorà virtuali”.

L’evoluzione delle tecnologie ICT ci ha assicurato da tempo la possibilità di sceglierci percorsi di fruizione dei contenuti e di accesso alle informazioni, “svincolati dalla logica top-down della programmazione delle emittenti tradizionali” che influenzava in modo determinante anche la programmazione della comunicazione delle organizzazioni. E oggi ci ritroviamo potenzialmente al centro di un nuovo sistema mediatico  grazie alla “possibilità di genere liberamente contenuti” attraverso media diversi e integrati tra loro, secondo una nuova “fenomenologia di produzione di massa individualizzata”. Di conseguenza, chi si trova a produrre contenuti a supporto di attività di relazioni pubbliche, comunicazione e marketing è tenuto ad interrogarsi sui limiti e le opportunità di una produzione “fai da te” o a progettare come sfruttare questo fenomeno per l’engagement dei propri pubblici di riferimento.

A guardar bene, la gestione professionale di campagne di comunicazione richiede oggi competenze sempre più ampie per essere in condizione di ideare, pianificare e controllare una produzione di contenuti di qualità e nuove modalità di coinvolgimento efficaci.  Il processo di produzione, le diverse competenze coinvolte e i loro specifici linguaggi tecnici devono essere ben noti. Non ci si può certo improvvisare nel rapporto con una società di produzione, e non basta neppure avere le idee chiare su obiettivi e risultati della nostra campagna per improvvisarsi come produttori di contenuti. Forse occorre mantenere una consapevolezza precisa del proprio specifico professionale per rapportarsi in modo competente senza pretendere di sostituirsi a professionisti specializzati.

Chi ha già sperimentato la difficoltà di rapportarsi in modo professionale con una società di produzione di contenuti saprà quindi cogliere l’opportunità offerta dalla CASP con il Laboratorio di produzione advanced, in programma il 24 settembre prossimo a Torino presso la Sala Il Movie/Film Commission Piemonte (Via Cagliari, 42). Con i contributi di Anna Martina, Consulente comunicazione strategica e Valerio Saffirio, marketing communication manager, direttore della Rokivo Inc. si entrerà nel merito della crescente rilevanza del contenuto multimediale e dei formati che oggi possono portare maggiori ritorni nella campagne di comunicazione delle aziende committenti. Le tecnicalità del processo di produzione con le competenze specifiche necessarie saranno invece oggetto degli interventi di Enrico Carlesi, regista televisivo, esperto di comunicazione e docente universitario, di Luciano De Simone, esperto di comunicazione multimediale, specializzato nella comunicazione di progetti di trasformazione urbana, e Ladis Zanini, direttore di produzione, Presidente della Fargofilm S.r.l., che oltre a fornire una visione d’insieme del processo di produzione indicando le competenze richieste ai professionisti chiamati a gestire una campagna, guideranno anche i partecipanti nella corretta redazione di un brief e di uno storyboard, in una calibrata alternanza di teoria e pratica. Infine, Marco Barberis, Presidente Punto Rec Stufios Srl, esporrà alcune case history dal concept al montaggio finale.

Dopo aver passato in rassegna i diversi formati della produzione video, film, documentari, campagne pubblicitarie, per imparare a conoscere i vari meccanismi di produzione, si entrerà nel merito della scrittura e della tecnica di narrazione, della pre-produzione, durante la quale il regista elabora il proprio progetto e lo illustra alla troupe di ripresa o al pubblico della rete, nel caso si scelga di acquisire materiale video coinvolgendo direttamente il target di riferimento. Si evidenzierà infine il ruolo del professionista di RP nella fase di montaggio e post-produzione.

Il corso si rivolge principalmente a professionisti, manager ed esperti di relazioni pubbliche e comunicazione operanti in aziende private e pubbliche nelle funzioni di comunicazione e media relations coinvolti nella produzione di contenuti per campagne corporate o di marketing e darà diritto al riconoscimento di 100 crediti per i Soci in qualificazione.

Per informazioni ed iscrizioni, scrivere a casp@ferpi.it

 




 

 

(*) Dati: Undicesimo rapporto Censis/Ucsi sulla Comunicazione – L’evoluzione digitale della specie - 2013

 

 

COMMENTI

Eventi