Ferpi > News > Come si muove il web?

Come si muove il web?

09/04/2009

La nuova versione 3D per la nuova “Web Trend Map”, la sfida Amazon-Apple, l’addio all’iPhone open source, le leggi anti p2p e il nuovo look per FriendFeed. Ecco alcune delle novità e aggiornamenti che interessano il web oggi… a soli vent’anni dalla sua nascita.

La nuova mappa dei web-trend di IA


Information Architects ha rilasciato la quarta versione beta della sua serie “Web Trend Map”. Come ricorderete IA, una delle più importati agenzie di design del mondo, aveva già lanciato la mappa bidimensionale che rappresenta lo sviluppo della rete. Quest’ultima versione rappresenta i 333 domini più influenti del web e le 111 persone più importanti della rete, abilmente posizionati all’interno della cartina metropolitana di Tokyo visualizzata in 3D. I domini sono stati accuratamente selezionati dal gruppo di ricerca IA attraverso il dialogo con gli appassionati della mappa virtuale. Ogni dominio è stato poi valutato in base al suo traffico, ai ricavi, all’età e alla società proprietaria di questi. Per chi volesse orientarsi meglio all’interno del mondo web 2.0 segnaliamo la mappa in versione “large”: Flickr.
Information Architects


Download a 29p su Amazon


Per festeggiare i primi 5 milioni di tracce offerte, Amazon lancia una promozione con oltre 100 brani disponibili per iPod e iPhone a poco meno di 0,32 euro l’uno. Amazon Mp3 sta andando a delinearsi come l’unica possibile alternativa al music store di Apple che, secondo l’NPD Group, può vantare il fatto di essere utilizzato dall’87% di chi sceglie di comprare la musica digitale.


Ad Amazon appartiene il 16% di questa fetta, una discrepanza che potrebbe apparire elevata ma che ha visto una forte diminuzione rispetto ad anni fa. La promozione dei 100 mp3 a 29p, in cui sarà possibile trovare brani classici, moderni, rock, e jazz, giunge dopo una serie di rialzi dei prezzi delle tracce su iTunes. Il colosso di Jeff Bezos si sta dunque difendendo dalla forza dei brand rivali offrendo prezzi concorrenziali. Per quanto riguarda l’Italia attualmente non si hanno ancora notizie su una possibile apertura di un music store Amazon.
Telegraph


Addio a OpenMoko e al sogno di un iPhone open-source


Smartphone completamente open-source e libero da ogni vincolo? Un sogno in frantumi! La società OpenMoko, nota per la creazione di cellulari basati su software aperti, sta attraversando un periodo di crisi, e per fronteggiare la situazione ha pensato di licenziare un buon numero di suoi dipendenti e abbandonare il progetto GTA03, ovvero la creazione del successore di FreeRunner. L’azienda, secondo le ultime indiscrezioni, sembra stia lavorando a un dispositivo ancora basato su software open-source ma slegato dal settore delle telecomunicazioni.
Ars technica


Carica una canzone e ti disconnettiamo


In Corea del Sud, una delle nazioni più tecnologicamente avanzate del mondo, i provvedimenti contro il p2p illegale si inaspriscono. Ora il governo ha il potere di chiudere un forum o un account scoperto a distribuire file caricati in rete illegalmente. La chiusura può durare al massimo sei mesi e avviene solo dopo il terzo avviso ignorato, ma può essere un’iniziativa che il governo prende autonomamente, anche senza la richiesta dei proprietari del copyright. Le società del web sono preoccupate per un possibile abuso di potere.


E anche negli Usa la pirateria è protagonista delle cronache. È della settimana scorsa la notizia dell’uscita online anticipata di X-Men Wolverine. Oggi, dopo che la 20th Century Fox aveva mostrato il pugno duro coinvolgendo l’Fbi nelle indagini sulla pubblicazione non autorizzata del film, anche Fox News minaccia il licenziamento dell’opinionista Roger Friedman, che ha pubblicato una recensione della pellicola fatta a partire dal un video scaricato illegalmente.
NewYorkTimes


Film su YouTube, è la volta buona?


Pare che Sony Pictures sarà tra le prime a licenziare alcuni film in catalogo (Spiderman, The Professional) per la visione legale (e integrale) su YouTube. Dalle due compagnie non sono arrivate conferme o smentite in proposito, anche se vari addetti ai lavori americani hanno già evidenziato come questo “matrimonio” potrebbe generare importanti benefici per entrambi.
Questo possibile accordo giunge proprio a poca distanza dalla notizia ufficiale secondo la quale Disney avrebbe deciso di cedere proprio a YouTube i diritti per alcuni suoi cortometraggi.
Ars technica


Chi twitta con chi?


Il New York Times pubblica una mappa che collega tra loro le celebrities che usano il microblogging. Si dice che tutti noi siamo collegati gli uni agli altri da sei gradi di separazione. Il sito di social networking Twitter ha rivelato quanto il mondo possa essere “intrecciato”. In sei passaggi, è possibile tracciare un percorso che va dalla presentatrice Martha Stewart al presidente Barack Obama o dal ciclista Lance Armstrong alla cantante soul Mariah Carey.
Dailymail


Redesign di FriendFeed, un po’ Twitter, un po’ Facebook


FriendFeed ha aperto una nuova versione beta che introduce un look completamente rinnovato. Tra le nuove funzionalità possiamo trovare: messaggi diretti, capacità di condividere post più selettivi, un maggior numero di filtri e ricerche ed altre piccole modifiche che rendono la nuova interfaccia molto diversa dal suo predecessore.
Blog Frienfeed


Valentina Anfossi
tratto da VisionPost

COMMENTI

Eventi