Ferpi > News > Comunicazione pubblica 2.0

Comunicazione pubblica 2.0

26/01/2009

Tecnologie, linguaggi, formati. Un saggio per analizzare e comprendere come la Rete e la multimedialità stiano cambiando la comunicazione istituzionale.

Negli ultimi anni il rapporto tra Pubblica Amministrazione e innovazione è stato al centro di infuocati dibattiti e tentativi di rinnovamento. Da una parte la ferma volontà delle istituzioni di allontanarsi dall’immagine stereotipata di “vecchio e lento carrozzone”, dall’altra il repentino cambiamento dell’utenza e le nuove e più complesse necessità dei cittadini, hanno spinto la Pubblica Amministrazione a intraprendere un tortuoso percorso di alfabetizzazione informatica.


Attraverso un utilizzo appropriato della Rete, delle sue funzionalità e dei suoi strumenti, infatti, la PA sta tentando di portare a compimento una profonda riorganizzazione interna, che coinvolga in larga parte le relazioni con i cittadini e con il sistema dei media. Stare al passo coi tempi, sveltire le procedure, applicare una politica di trasparenza sono ormai degli obiettivi imprescindibili.


Comunicazione pubblica 2.0 è il titolo di un interessante libro, a cura di Alessandro Lovari e
Maurizio Masini, edito da Franco Angeli, il cui intento è di analizzare e comprendere come il Web 2.0, i social network, concetti come multicanalità e multimedialità stiano cambiando la comunicazione istituzionale. Web 2.0 significa pensare a un modo diverso di progettare, realizzare e gestire il flusso delle informazioni: non basta l’utilizzo delle nuove tecnologie, ma occorre attuare un processo di rinnovamento che metta al centro dell’agire pubblico la partecipazione attiva. Servono nuove forme di ascolto, linguaggi e formati originali per coinvolgere i cittadini, sempre più evoluti e consapevoli dei propri diritti.


Questa raccolta di saggi, arricchita da esempi pratici e casi di studio, è rivolta agli operatori della comunicazione pubblica e agli studenti dei corsi universitari in Scienze della Comunicazione, e rappresenta una lettura stimolante per tutti coloro che sono interessati ai temi della comunicazione.


Luana Andreoni – Redazione Cultur-e

COMMENTI

Eventi