/media/post/3gf9pp8/compubblica.jpeg
Ferpi > News > Comunicazione pubblica come teatro civile

Comunicazione pubblica come teatro civile

04/12/2021

Redazione

La pandemia ha mostrato l'insufficienza attuale della comunicazione pubblica. Società e sistema socio-sanitario hanno spesso sollecitato il rendimento di questa funzione per corrispondere di più alle esigenze sociali. Il nuovo saggio di Stefano Rolando, con prefazione di Giuseppe De Rita.

La pandemia ha mostrato l'insufficienza attuale della comunicazione pubblica. Società e sistema socio-sanitario hanno spesso sollecitato il rendimento di questa funzione per corrispondere di più alle esigenze sociali. Ma lo schiacciamento attorno all'idea della politica di fare della comunicazione pubblica il confezionamento della "visibilità" più che un moderno motore della "partecipazione", ha mostrato limiti di sistema. In Italia prevale la comunicazione politica (a spese delle istituzioni) rispetto a quella istituzionale. Da qui nuove riflessioni. In forma di proposta ad operatori, società e istituzioni (in Italia e in Europa) per rilanciare una riforma possibile. Un promemoria per immaginare una nuova rete al servizio di cose importanti: la spiegazione dei processi (nessi tra le notizie); la crescita della comunicazione scientifica per combattere negazionismo e analfabetismo funzionale; la cooperazione tra pubblico e sociale in un indispensabile accompagnamento per accorciare le distanze.




Comunicazione pubblica come teatro civile
Governare la spiegazione. Una riforma importante nella pandemia e dopo
Stefano Rolando
Giuseppe De Rita, prefazione a cura di
Editoriale Scientifica, 2021
pp. 330, € 20,00

COMMENTI

Eventi