Ferpi > News > Consorte, un rientro da lobbista...

Consorte, un rientro da lobbista...

05/02/2008

L'ex leader di Unipol punta alle relazioni pubbliche e rientra in finanza con la merchant bank Intermedia.

di Mario Gerevini
Un'acquisizione dietro l'altra. Ricuciti vecchi rapporti (con alcune coop), tessute nuove alleanze (con il presidente del Bologna Calcio Alfredo Cazzola, con il finanziere-editore Alberto Rigotti) il quasi sessantenne Giovanni Consorte ha voglia e fretta di costruire un gruppo finanziario intorno alla merchant bank Intermedia. Ha appena raccolto 85 milioni di euro con un aumento di capitale e allargato il parterre degli azionisti. Stargli dietro in tanto fervore è difficile. Ultimi acquisti, la società di noleggio auto International Renting (40%) a Faenza (Ra), poi Energifera a Imola (33%) che opera nell'elettronica e Multimedia 08 che in realtà è una società costituita ex novo tre settimane fa. L'istituto d'appoggio è Banca Tercas-Cassa di Risparmio di Teramo.
Multimedia 08, di cui la merchant bolognese ha il 40% mentre il resto è diviso tra fedelissimi e fedelissime dell'ex leader di Unipol, opererà nelle pubbliche relazioni e nei rapporti con la stampa. Lobbying e comunicazione sembrano strategiche per Intermedia come dimostra anche l'acquisto un anno fa del 30% dell'agenzia Report Porter Novelli di Natale Arcuri. La sede, anzi le sedi, sono già state acquistate per un prezzo complessivo di 7,4 milioni. In portafoglio c'è una società di mutui (la Mutuimm) di cui è stato rilevato il 51% per 2,65 milioni, poi l'agenzia di recapito postale Defendini (35%) e la Credsec (6%) società finanziaria controllata dall'avvocato-finanziere romano Giovanni Lombardi Stronati che nella primavera 2007 aveva rilevato il Siena Calcio.
Di poche settimane fa è la notizia che l'ex gran capo di Unipol, «licenziato» dalla compagnia dopo essere stato travolto dalle inchieste sulle scalate bancarie del 2005, «punta», Bankitalia permettendo, alla banca monosportello Emilveneta di Modena (ma con sede a Bologna). Ai soci del patto che governa (54%) la piccola banca, Intermedia propone 1.000 euro ad azione (500 di valore nominale più avviamento e premio di maggioranza) per un totale di 16,2 milioni. Sempre piccolo cabotaggio ma la banca è il perno strategico intorno al quale ruoterà la costruzione del gruppo finanziario guidato dall'ingegnere di Chieti. Entro fine anno, ha comunicato Consorte ai sui 38 soci, il gruppo dovrà operare nel «corporate, nella finanza per le imprese, real estate, merger & acquisition e capital markets». E ha detto che «sono stati avviati contatti per acquisire società di fideiussioni e cauzioni, fiduciarie, leasing e factoring, brokeraggio e Sgr». Niente assicurazioni, per ora.
tratto da Corriere Economia del 7 febbraio ‘08

COMMENTI

Eventi