/media/post/ersfb9g/2.jpg
Ferpi > News > Contenuti al centro: come si comunica oggi nel mercato contemporaneo?

Contenuti al centro: come si comunica oggi nel mercato contemporaneo?

24/10/2018

Rita Palumbo

I social, il web e tutti i mezzi abituali ci raccontano quotidianamente quanto alta sia la produzione di contenuti. Ma in che modo il contenuto influenza il mercato? Tra visioni, casi ed esperienze, appuntamento al ContentWare Summit 2018, il 30 ottobre allo Spazio Base di Milano. Ne parla Rita Palumbo nella sua rubrica #MercatoLavoro.

Contentware Summit 2018, festival italiano di "content marketing", giunge alla quarta edizione, e dedica questo appuntamento al “Touchpoint” inteso come punto di contatto attraverso cui veicolare o fare fruire un contenuto.

Nessuno è escluso dalla produzione di contenuti, questo il primo messaggio dell'evento, che si svolgerà martedì 30 ottobre per tutta la giornata allo Spazio Base di Milano. E' organizzato da Mashub, Netlife srl Comunicazione, con il sostegno di Asseprim, il Patrocinio di Ferpi.

I social, il web e tutti i mezzi abituali ci raccontano quotidianamente quanto alta sia la produzione di contenuti. Ma in che modo il contenuto influenza il mercato?

E' la domanda che si è posto Stefano Saladino, ideatore dell'evento e imprenditore visionario che ha scommesso in una Community, il "Contentware Summit", in grado di generarsi e contaminarsi positivamente tra speakers e platea composta di imprese, pubbliche amministrazioni, professionisti.

Quest'anno è dedicato al concetto di "Touchpoint", inteso come punti di incontro e strategie di content marketing per una comunicazione innovativa non solo nel tema, ma anche nell'erogazione della formazione.

"Parliamo di una società che comunica costantemente, dal messaggio breve su Twitter a quello lungo in un volume monografico - afferma Saladino, ideatore del progetto e imprenditore visionario - In questo appuntamento il percorso virtuoso che attraversa molti punti di contatto viene raccontato da una serie di relatori che quotidianamente vivono quell'aspetto, da chi ne scrive a chi fa ricerca, da chi lo applica nel contesto aziendale a chi ha vissuto in prima persona un cambio di modello, di business, grazie a delle opportunità di visione".

Sono più di una trentina gli speakers, tra professionisti, aziende, consulenti, strategist, imprenditori ed esperti del content marketing, che condivideranno le loro esperienze suddivisi su tre palchi fisici e uno virtuale. Tra questi Francesca Tassistro, content strategy, user experience e IT;  Giuliano Trenti, CEO & Fouder di Neurexplore Srl; Pasquale Diaferia, creative chairman at Special Team; Mauro Lupi, strategy director, digitalbreak.it. E il più giovane, Michele Saladino, 19 anni, fotografo e blogger, fondatore di "Feel the World".

Oggi le competenze di marketing e comunicazione sono diventate delle "soft skill", ma possono e devono essere migliorate costantemente in un processo di conoscenza non tradizionale, uno storytelling emozionale all'interno di un evento, il cui percorso lo genera il pubblico.

"Oggi tutti comunicano, lo facciamo quotidianamente attraverso modalità e strumenti differenti, ma con una produzione attiva 24 ore su 24 e sette giorni su sette - prosegue Francesca Anzalone, esperta di comunicazione e docente, che da questa edizione affianca Saladino nella stessa visione di scenario - La differenza oggi la fa la consapevolezza di come si affronta la comunicazione tra opportunità e rischi, ma con un'apertura verso una visione innovativa. Ecco perché il Contentware Summit è un evento adatto al pubblico più articolato, ed ecco perché l'imprenditore e la PA trovano ispirazione".

Partecipare al Contentware Summit è un'opportunità di crescita, di costruzione di relazioni, di ispirazione, in cui vengono presentate nuove figure professionali con competenze specifiche che si affacciano in questa trasformazione sociale prima ancora che digitale, aperte al mercato del lavoro.

Una di queste è quella dell'experience designer, un profilo ricercato da molte aziende, che sarà presentato da Francesca Tassistro, Experience Design Global Lead di Avanade, in dialogo e collaborazione con data scientist, esperti di CRM, specialisti di IoT e sviluppatori di ogni tipo.

Dal punto di vista economico, oggi la produzione di contenuti sostiene lo sviluppo di business delle imprese. E alcuni dei nuovi strumenti per farle decollare sono l'uso delle tecniche di Machine Learning e Deep Learning, il dotarsi di processi di Marketing Automation, l'uso della realtà virtuale aumentata supportata dai processi propri del storytelling immersivo, l'adozione del neuro-marketing nello studio del customer journey, ossia l'applicazione delle neuro-scienze per capire come l'utente si comporta a seconda del "Touchpoint".

Su un palco learning dedicato, gli speaker saranno chiamati a tenere workshop con momenti di approfondimento verticale per mostrare l’applicazione dei principi contenuti proposti durante gli speech. Tra questi quello dedicato al copywriting quantistico, condotto da Massimo Petrucci, consulente marketing.

Per iscrizioni: https://lnkd.in/etXZeef

 

COMMENTI

Eventi