Ferpi > News > D-Day 2005 in arrivo a Milano: anche per i soci Ferpi!

D-Day 2005 in arrivo a Milano: anche per i soci Ferpi!

22/11/2005

L'evento è organizzato da Register.it - Gruppo DADA.

Mancano pochi giorni ad un evento dedicato alla comunicazione in Rete giunto alla sua quarta edizione. L'evento è patrocinato dal Ministero per l'Innovazione, si chiama D-day 2005 e il sito è www.d-day2005.it.Come nelle passate edizioni, vorrei allargare a tutti i soci Ferpi l'invito a partecipare al D-day, a maggior ragione in considerazione del fatto che quest'anno i temi saranno molto meno tecnici.Il programma è alla pagina http://www.d-day2005.it/ita/programma.htm: tra gli altri, Vittorio Colao interverrà per parlare del futuro del mondo dell'informazione e della relazione tra "nuovi" e "vecchi" media. Come sempre, la partecipazione al D-day 2005 è gratuita (basta mandare una mail a info@d-day2005.it ).
Qui di seguito una breve descrizione della giornata.Vi ringrazio per la collaborazione!Chiara Ronchetti**********************************D-day (www.d-day2005.it): non solo domini, tutta la Rete!Il "Domain Day" è nato nel 2002 come una giornata formativa e di aggiornamento sui domini Internet organizzata da Register.it - Gruppo DADA. L'edizione 2005 del Domain Day segnala una vera novità perché in essa si abbracceranno anche tutte le tematiche legate ai fenomeni più nuovi della comunicazione in Rete che costituiscono il business di DADA, la capogruppo. Di qui la scelta del nuovo nome "D-day", dove la "D" sta per "Domain" ma anche per "DADA", la società leader in Italia nelle community e nell'entertainment.Più in particolare, l'incontro si articolerà in due momenti differenti: la prima parte (la mattina) avrà come oggetto il Web 2.0, il Social Networking e la convergenza tra web e mobile. Nel corso del pomeriggio invece, si offrirà un aggiornamento sui domini europei, sul futuro dell'Internet Governance alla luce delle discussioni del World Summit on Information Society (WSIS) che si è tenuto a Tunisi dal 16 al 18 novembre e infine sulla dibattuta questione del "phishing" (dall'inglese "fishing", pescare - si tratta di un pericoloso fenomeno che consiste nel tentare di far "abboccare" chi accede al proprio conto corrente via web per carpirne i codici di accesso).

COMMENTI

Eventi