Ferpi > News > È morto Dan Edelman

È morto Dan Edelman

16/01/2013

Il pioniere delle Relazioni pubbliche e fondatore dell’omonima agenzia è morto lo scorso 15 gennaio a Chicago per un’insufficienza cardiaca. Ex giornalista ed inviato durante la Seconda Guerra Mondiale aveva fondato la sua società esattamente 60 anni fa, contribuendo a costruire e diffondere la professione delle Rp prima negli Stati Uniti e poi nel resto del mondo.

Dan Edelman, fondatore di una delle maggiori agenzie di Rp al mondo, è morto martedì 15 gennaio all’età di 92 anni.
Edelman è considerato un pioniere nel mondo delle Relazioni pubbliche, dopo aver iniziato con il suo studio omonimo in un piccolo ufficio in Merchandise Mart a Chicago, il 1 ° ottobre 1952. La società, attualmente la più grande del mondo, ha celebrato il suo 60° anniversario l’anno scorso.
“A quel tempo, le Relazioni pubbliche erano una pratica rudimentale, dominate da una manciata di aziende impiegate in primo luogo come addetti stampao pubblicisti, " ha dichiarato l’agenzia. “Dan, ex giornalista e inviato della Seconda Guerra Mondiale, ebbe una visione più grande. Sognava di offrire ai clienti una vasta gamma di servizi di Rp mai visti prima".
“E nei successivi 60 anni, Dan e la sua agenzia avrebbero fatto proprio questo: trasformare il settore delle Rp, prima negli Stati Uniti e poi nel resto del mondo”.
Edelman partecipò al Secondo Conflitto Mondiale. Dopo la guerra, lavorò come giornalista a New York, prima di entrare come pubblicista alla Musicraft Records. Succesivamente fu assunto presso The Tony Company, che lo trasferì a Chicago nel 1947 per diventare direttore delle Relazioni pubbliche dell’azienda.
Quattro anni più tardi, avviò la propria società che nel corso degli anni ha avuto clienti quali Sara Lee, l’industria del vino della California, il jet Concorde, Butterball Turkey, KFC ed altri. Nel 1989, Edelman ha collaborato con il movimento verde, in collaborazione con Star-Kist per l’introduzione di reti salva – delfini.
“Lo si ricorda come un convinto sostenitore della propria professione che ha stabilito standard elevati e un codice deontologico”, ha detto la società lo scorso martedì mattina. “E’ stato attivo anche nel servizio pubblico. Nel corso degli anni, Dan Edelman e la sua agenzia hanno lavorato per molte cause, tra cui il Global Business Coalition on HIV/AIDS e Save the Children ”.
Edelman ha ora 65 uffici e oltre 4.400 dipendenti, oltre a filiali in più di 30 città. Tra i clienti attuali si annoverano HP, Microsoft, Pfizer, General Electric, Wal-Mart, Abbott Laboratories, Samsung, Royal Dutch Shell, Kraft, Johnson & Johnson e Unilever.
Dan Edelman lascia la moglie Ruth, di 59 anni e il figlio, Richard, attualmente CEO dell’azienda, la figlia Renee, vice presidente senior, e il figlio John, amministratore delegato dell’impegno globale e della CSR di Edelman.
Fonte: PR Daily

COMMENTI

Eventi