Ferpi > News > Fact Checking

Fact Checking

25/10/2012

Da un’idea di _Fondazione

Factchecking.it è una piattaforma nata dalla necessità di sviluppare un’informazione accurata e documentata basata su principi condivisi, uno dei compiti che si è data la Fondazione ahref di Trento che per questo sta sviluppando e sperimentando nuovi media civici.
Fact checking è un’espressione inglese che significa verifica dei fatti. Leggendo un articolo o seguendo un servizio televisivo puoi sicuramente notare un’informazione che ti risulta falsa o sospetta. La piattaforma fact checking sviluppata da Fondazione <ahref consente di avere una risposta ai propri dubbi attivando un processo di collaborazione civica.
<ahref concepisce il fact checking come un ’attività critica cooperativa, un esempio di media civico, capace di contribuire all’informazione e di rafforzare l’essere comunità.
Il Fact Checking di <ahref è uno strumento che va oltre la semplice condivisione di contenuti e consente ai cittadini di lavorare insieme per la verifica collaborativa delle notizie. Chiunque iscrivendosi a Civic Link, il network di media civici della Fondazione <ahref, può partecipare a un fact checking, con voti, commenti e fonti o può chiedere alla comunità di verificare i dati contenuti in una notizia. La comunità si autoregola attraverso un sistema di reputazione che premia e valorizza i contributi di qualità. Proprio i meccanismi di reputazione online sono infatti uno dei campi di ricerca e sviluppo strategici nel lavoro della fondazione trentina.
Il Corriere della Sera, su Corriere.it, primo tra i quotidiani italiani, sperimenta Fact Checking su una selezione dei suoi articoli scelta dalla redazione.
I lettori di Corriere.it oltre alla condivisione sui consueti social network, troveranno sul sito il tasto fact checking e potranno attivare la valutazione di una frase o di un dato presente in un articolo. Potranno motivare la propria valutazione con un commento e con un voto, allegando una fonte autorevole. Anche grazie a questo nuovo strumento gli articoli di Corriere.it potranno essere continuamente aggiornati e corretti grazie al contributo e alla collaborazione della comunità dei lettori.
«L’idea di fondo — spiega Michele Kettmaier, direttore di <ahref — è che il lettore ha a cuore il giornale tanto quanto i giornalisti e per questo si impegna a dare il proprio contributo non solo per evidenziare errori o incongruenze, ma anche per arricchire con documenti ed approfondimenti tematiche che i tempi dell’informazione di oggi non sempre permettono di affrontare a dovere».
«Come nel caso di Wikipedia — sottolinea ancora Kettmaier —quello che dà valore alla piattaforma è l’ispirazione a principi condivisi sul metodo di valutazione. Che, nel nostro caso, è incentrato sull’indicazione di fonti affidabili e sul recupero del valore intrinseco del documento. Il fact checking così effettuato può dare un grande contributo alla qualità dell’informazione, perché un articolo può essere poi ripreso ed integrato grazie ai suggerimenti pervenuti».
La Fondazione <ahref nasce a Trento nell’aprile 2010 ed è la prima fondazione italiana che ha al centro della propria attività il pubblico attivo di internet e il suo rapporto con l’informazione, la società e le istituzioni. La Fondazione <ahref è impegnata nel miglioramento della qualità dell’informazione attraverso un’attività integrata di formazione, di ricerca e di sviluppo di media civici che, come factchecking.it, consentono ai cittadini di collaborare e produrre informazione con un metodo condiviso.

COMMENTI

Eventi