Ferpi > News > Ferpi: nuova policy per la sezione Cerco/Offro Lavoro

Ferpi: nuova policy per la sezione Cerco/Offro Lavoro

30/05/2014

Alla luce dell’iscrizione di Ferpi nel registro delle Associazioni professionali non riconosciute istituito presso il Ministero della Giustizia e all’inserimento nell’elenco del Ministero dello Sviluppo Economico, la Federazione aggiorna la propria policy di pubblicazione degli annunci di lavoro.

Ferpi rivede la propria policy per la pubblicazione di annunci e domande di lavoro sul proprio sito. La sezione Cerco/Offro, tra le più visitate dai professionisti in cerca di nuove opportunità, aggiorna il regolamento come segue:
1. Gli annunci sia di offerta che di ricerca di lavoro che saranno pubblicati nella sezione Cerco/offro lavoro del sito, effettuati da persone fisiche o giuridiche, devono rispondere rigorosamente all’articolo 1 dello Statuto di Ferpi e dunque essere riservati a coloro che “esercitano la loro unica o preminente attività professionale nelle Relazioni Pubbliche.
2. Le attività ammesse nella sezione Cerco/offro lavoro del sito www.ferpi.it sono quelle che rientrano nelle attività di Relazioni pubbliche e dunque: le attività di relazioni con i media, cosiddette anche Ufficio stampa; l’organizzazione di eventi, le relazioni finanziarie; le relazioni con il processo decisionale pubblico (lobbying); le relazioni con il mercato, il marketing, la comunicazione politica, la comunicazione istituzionale, la formazione nei campi della comunicazione; le digital e internet Pr; le relazioni internazionali;
3. Alla luce dell’iscrizione di Ferpi nel registro delle Associazioni professionali non riconosciute istituito presso il Ministero della Giustizia e all’inserimento nell’elenco del Ministero dello Sviluppo Economico riservato alle associazioni professionali che rilasciano attestato di qualità ai propri iscritti, Ferpi chiede a coloro che pubblicano offerte di lavoro di attenersi alla deontologia professionale e alle norme vigenti, rispettando la dignità professionale dei colleghi, junior o senior, oggetto di valutazione al fine della ricerca, riconoscendo il giusto compenso.
4. Si precisa che gli annunci esposti hanno un mero carattere informativo e non costituiscono in alcun modo esercizio di attività di intermediazione.
5. Ferpi fornisce il servizio degli annunci gratuitamente e non è responsabile del contenuto degli annunci di lavoro che appaiono sul sito, sulla loro veridicità e la liceità dei dati indicati.
6. Ferpi non è responsabile di quanto in essi viene offerto, né garantisce il buon esito delle trattative che si possano avviare in conseguenza di tali offerte.
7. Le aziende e gli utenti che pubblicano tali annunci si assumono la piena ed esclusiva responsabilità in ordine agli annunci pubblicati e ai loro contenuti nonché in ordine alle condotte complessivamente adottate.
8. Ogni singolo annuncio inserito nella sezione Cerco/offro lavoro del sito www.ferpi.it, sarà trasmesso alla redazione del sito attraverso un form per l’inserimento dell’annuncio, che prevede la verifica del contenuto. Se quest’ultimo risponde ai criteri espressi in questo documento, esso sarà messo in pubblicazione. La durata della pubblicazione è fissata in gg.15: dopo tale termine l’annuncio verrà rimosso.
9.In caso di contenzioso, gli utenti dei servizi professionali possono segnalare lo stesso a Ferpi, ai sensi dell’art. 27 ter del Codice del Consumo, di cui al decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206 http://www.normattiva.it/uri-res/N2Ls?urn:nir:stato:decreto.legislativo:2005-09-06;206, nonché possono ottenere informazioni relative all’attività professionale in generale e agli standard qualitativi da esse richiesti agli iscritti.
Coloro che hanno fatto un annuncio o partecipano a selezione di personale, in relazione ad annunci pubblicati sul sito www.ferpi.it, possono denunciare a Ferpi comportamenti contrari alla deontologia professionale segnalando criticità riscontrate allo Sportello dei Consumatori. Lo Sportello dei Consumatori è una forma di garanzia a tutela dell’utente ultimo dei servizi professionali erogati dai soci nell’esercizio della loro attività.
10. Per tutto ciò che non è espressamente dichiarato si rimanda alla normativa vigente.

COMMENTI

Eventi