Ferpi > News > “Governare con i cittadini”: parte la selezione di esperienze di sussidiarietà orizzontale e di proc

“Governare con i cittadini”: parte la selezione di esperienze di sussidiarietà orizzontale e di proc

09/07/2008

Tre giornate di studio e confronto sul tema del cambiamento nelle relazioni tra istituzioni e cittadini, per focalizzare l’attenzione sui processi decisionali e sulla sussidiarietà orizzontale.

Il 14, 15 e 16 ottobre – in occasione della Settimana europea della democrazia locale, organizzata e promossa dal Consiglio d’Europa – il Comune di Reggio Emilia, insieme al Dipartimento della Funzione pubblica e al Formez, con la collaborazione di Cittadinanzattiva, propongono “Governare con i cittadini. Democrazia locale, partecipazione, neo civismo”, tre giornate di studio e confronto nelle quali amministrazioni nazionali ed internazionali affronteranno il tema del cambiamento nelle relazioni tra istituzioni e cittadini, focalizzando l’attenzione sui processi decisionali e sulla sussidiarietà orizzontale.


Nel corso delle tre giornate di studio saranno presentate e discusse esperienze di amministrazioni pubbliche relative a processi decisionali inclusivi e a forme di cittadinanza attiva e sussidiarietà orizzontale. Queste esperienze serviranno a facilitare la discussione e il confronto tra i partecipanti, aiutandoli a focalizzare l’attenzione sulle soluzioni realizzate e su quelle possibili.


In ognuna delle tre giornate i temi della democrazia partecipativa e della sussidiarietà orizzontale, verranno affrontati secondo una particolare chiave di lettura diversa:


14 ottobre – La Rappresentanza, le regole e la responsabilità


Nella prima giornata si discuterà su come nuovi approcci nella costruzione delle decisioni pubbliche e nella gestione dei servizi hanno conseguenze sulle regole che le amministrazioni pubbliche adottano per gestirli in modo corretto e trasparente, come essi modificano le tradizionali forme della rappresentanza sono sempre meno radicate nella comunità, come ciò possa comportare la necessità di un nuovo patto tra istituzioni e cittadini, come la contrattazione sociale scardina o rafforza le regole ed i processi della democrazia rappresentativa.


15 ottobre – I processi e gli strumenti


Nella seconda giornata la discussione si concentrerà sulle metodologie e sugli strumenti della partecipazione e del coinvolgimento dei cittadini nella governance di un territorio. Come costruire cornici regolative entro le quali coordinare i processi partecipativi. Quando e a che condizioni è opportuno farlo. Quali strumenti utilizzare in funzione degli obiettivi (informazione, consultazione, dialogo, co-progettazione, empowerment). Che ruolo possono avere le tecnologie per facilitare la partecipazione.


16 ottobre – Assetto istituzionale e modelli organizzativi


Nella terza giornata il focus del dibattito sarà su come la gestione di processi decisionali sempre più complessi ed articolati ed il coinvolgimento diretto dei cittadini nella gestione dei servizi determinano la necessità di ripensare i modelli organizzativi delle pubbliche amministrazioni, i meccanismi di programmazione e controllo, i ruoli organizzativi ed i profili professionali, le strategie di comunicazione, i sistemi delle competenze.


Per partecipare alla selezione delle esperienze che saranno oggetto di confronto e discussione nel corso delle tre giornate di studio occorre:


- essere un’amministrazione locale ma possono presentare i casi anche attori privati o del privato sociale che siano però in grado di coinvolgere in questa iniziativa l’amministrazione con cui hanno collaborato e realizzato il progetto;


- avere realizzato esperienze che si reputano significative ed istruttive (non necessariamente positive) su almeno uno dei temi centrali: processi decisionali inclusivi e sussidiarietà orizzontale;


- descrivere l’iniziativa o il progetto seguendo l’impostazione di uno schema predisposto nella scheda in allegato.


La descrizione del progetto o dell’iniziativa dovrà essere inviata entro il 5 settembre a partecipazione@formez.it


Le selezioni delle esperienze verrà realizzate dal Comitato Tecnico Scientifico che è stato creato per la supervisione di “Governare con i cittadini”, insieme allo staff del progetto.


Ogni giornata di studio si articolerà in tre momenti distinti:


A. Sessione plenaria introduttiva dei temi (9.00 – 10.00)


Lo scopo è quello di introdurre questioni fondamentali da trattare, condividere concetti chiave, evidenziare nodi critici rispetto ai quali sviluppare le sessioni di lavoro;


B. Sessioni di lavoro a numero chiuso (10.00 – 17.00)


Le sessioni di lavoro sono due per ognuna delle tre giornate e si svolgono in parallelo. La discussione sarà coordinata da uno o più esperti anche attraverso la presentazione di casi esemplari, rilevanti e non necessariamente di successo;


C. Tavola rotonda aperta al pubblico (17.30 – 20.00)


A chiusura di ogni giornata verrà organizzata una tavola rotonda, aperta al pubblico e condotta da un giornalista sullo stile di un talk show, nella quale verranno esposti e discussi i temi della giornata in un confronto con gli attori istituzionali di più alto profilo nazionale (esponenti del mondo sindacale e delle associazioni di categoria, importanti rappresentanti delle istituzioni). Scopo delle tavole rotonde è quello di portare al centro del dibattito pubblico i temi trattati e di coinvolgere nel confronto gli stakeholder e gli opinion leaders.


Per maggiori informazioni consultare il sito www.partecipazione.formez.it

COMMENTI

Eventi