Ferpi > News > I media civici

I media civici

06/12/2013

Cosa sono i media civici? Cosa li differenzia dai media sociali? Un tema di grande attualità che in un futuro prossimo si candida a diventare importante almeno almeno tanto quanto lo è stata l’idea di social network negli anni scorsi e a cui _Luca De Biase_ dedica il suo ultimo libro.

Qualche mese fa, Luca De Biase scriveva sul suo blog: “Da circa sette anni, specie nel mondo anglosassone, si lavora intorno all’intersezione del concetto di media con quello di cittadinanza. L’idea dei media civici sta evolvendo rapidamente e si candida a diventare importante almeno tanto quanto lo è stata l’idea di social network negli anni scorsi.
Nel 2007, nel corso di uno storico forum alcuni importanti pensatori e innovatori hanno discusso intorno al tema dei media civici all’Mit. Henry Jenkins, che dall’Mit si è spostato ad Annenberg, i media civici possono essere definiti come «media usati per promuovere e amplificare l’impegno civico». Nel tempo la riflessione sulla differenza tra l’impegno civico e l’impegno politico si è andata chiarendo, anche se il confine resta mobile. Sui media civici si producono e scambiano documenti e informazioni, si raccolgono istanze e si prendono decisioni rilevanti per la comunità civile. Potenzialmente, i media civici consentono di ridefinire il rapporto tra cittadinanza e pubblica amministrazione. Con la crescita del tema degli open data e della partecipazione democratica online, la soluzione dei media civici diventa sempre più importante”.
Oggi è in libreria il suo nuovo libro, dedicato appunto al tema dei media civici. In un’epoca di incertezze e povertà, nella quale il valore e il dolore si concentrano su ciò che è “liquido” e immateriale, sulla mancanza di prospettive e conoscenze, l’ispirazione delle società di mutuo soccorso può tornare di assoluta attualità. Sono molte, a tutt’oggi, le iniziative che vengono realizzate dal volontariato e dal non profit per supportare la tenuta del tessuto sociale e per alleviare le sofferenze. Ma nel contesto attuale, la questione si allarga: nell’economia della conoscenza l’informazione è sempre più preziosa per la generazione di opportunità economiche, per la qualità della convivenza, per l’apertura di prospettive di sviluppo. E dunque le potenzialità dell’informazione di mutuo soccorso, estese e rafforzate dai media digitali, appaiono fondamentali per migliorare l’efficienza delle azioni di inclusione, partecipazione, formazione necessarie a ridefinire una prospettiva che valorizzi il contributo di tutti alla costruzione del futuro.

I media civici
Informazione di Mutuo Soccorso
Vita/Apogeo, 2013
pp. 200, € 12,00

COMMENTI

Eventi