Ferpi > News > I social media da soli non bastano

I social media da soli non bastano

19/11/2012

Di diplomazia digitale si è parlato durante dell’incontro che si è tenuto lo scorso 13 novembre al Parlamento Europeo di Bruxelles. Un tema che sta guadagnando una crescente attenzione soprattutto da parte di chi è chiamato a comunicare in modo diretto ai cittadini temi complessi. Ne emerso che web e social media sono strumenti fondamentali ma una strategia di comunicazione non può prescindere da un’attività di Rp e gestione della reputazione.

I nuovi strumenti digitali aiutano a far interagire le istituzioni tra loro e con i cittadini, ma non possono sostituire le strette di mano. E’ uno dei messaggi chiave emersi nell’incontro che si è tenuto martedì 13 novembre al Parlamento Europeo per discutere di diplomazia digitale e di come le istituzioni e la politica possono utilizzare al meglio i social media. Al dibattito ha partecipato anche Antonio Deruda, senior communications manager di Medialab e autore del libro Diplomazia Digitale, accanto a Debora Serracchiani, Parlamentare Europeo, Ryan Heath, Portavoce del Commissario Europeo per l’Agenda Digitale e Aurélie Valtat, Responsabile Comunicazione Digitale del Consiglio Europeo.
Molte le persone presenti alla tavola rotonda, a dimostrazione che il tema sta guadagnando una crescente attenzione, soprattutto da parte di chi è chiamato a comunicare in modo diretto ai cittadini temi complessi come quelli europei. Le testimonianze di un membro del Parlamento Europeo, di un funzionario istituzionale, di un portavoce politico e di un esperto di comunicazione hanno permesso di analizzare da diversi punti di vista le potenzialità, i rischi e le difficoltà della comunicazione online. Con l’idea, condivisa da tutti i relatori, che “i social media sono ottimi strumenti, ma da soli non bastano”.
Un principio che vale per le istituzioni, ma anche che per le aziende. Il web e i social media rimangono degli strumenti, in alcuni casi i più efficaci e più diretti per promuovere il brand o vendere prodotti e servizi, ma una strategia di comunicazione di successo va impostata a 360° e non può prescindere da un’attività più ampia di public relations e gestione della reputazione. Una linea guida che da sempre ispira anche le proposte e l’azione di Medialab.
Fonte: Medialab

COMMENTI

Eventi