Ferpi > News > Il 2014 l’anno zero dell’adv

Il 2014 l’anno zero dell’adv

06/06/2014

Uno scenario poco confortante ma con una previsione di ripresa: è il segnale di speranza che viene da _Comunicare Domani,_ il convegno che _Assocom_ ha tenuto a Milano lo scorso 5 giugno, durante il quale sono state presentate le previsioni sugli investimenti pubblicitari per l’anno in corso.

“Il 2014 si può definire l’anno zero del nuovo mercato degli investimenti pubblicitari in Italia. Dopo 5 anni in caduta libera, e dopo un 2013 che ha chiuso a -12,7%, la stima di Assocom è che il 2014 chiuderà a -1%”. Lo ha sostenuto Marco Girelli, CEO di Omnicom Media Group Italia, durante il convegno di Assocom Comunicare Domani che si è tenuto a Milano lo scorso 5 giugno, durante il quale sono state presentate le previsioni sugli investimenti pubblicitari per l’anno in corso.
“Noi tutti lavoriamo per molti brand con passione e impegno che vanno al di là delle 24 ore, ma il primo brand da amare dovrebbe essere proprio la nostra industry”, ha dichiarato il presidente di Assocom, Marco Testa, in apertura. “Lavorando uniti e coesi, fornendo dati, studi, riflessioni, potremo anche aiutare le imprese, e il nostro paese, a cogliere ogni segnale di futuro”.
Un panorama “articolato, complesso, polverizzato”: così la fotografia dell’ecosistema della comunicazione mostrata dalla ricerca realizzata per Assocom dalla School of Management del Politecnico di Milano. Un mondo che dà lavoro a 150 mila persone e rappresenta l’1% del Pil italiano
I suoi attori sono ancora i grandi gruppi della comunicazione e le agenzie indipendenti ma ne fanno parte anche i network di freelance, i system integrator, i technology provider e le agenzie di consulenza direzionale che stanno cercando di giocare un ruolo nel mondo della comunicazione di marca. Una situazione di forte entropia e complessità che viene percepita dalle aziende investitrici e che obbliga le agenzie a ripensare il proprio ruolo.
Quali saranno quindi le tendenze degli investimenti e delle dinamiche fra i vari attori, in una visione prospettica a 5 anni? "Il 44% delle imprese dichiara che investirà la maggior parte del proprio budget negli “owned media”, confermando l’intenzione a diventare sempre di più proprietarie dei loro contenuti di comunicazione – spiega Giuliano Noci, Professore Ordinario di Marketing PoliMi e Presidente Explora – E non parliamo solo di media digitali, che sicuramente sono quelli più importanti fra gli “owned media”. Il fenomeno è anche off-line, ad esempio nel retail, basti pensare ai concept store, o alla rivisitazione degli eventi quali rinnovati canali di relazione con i consumatori".
I cosiddetti “paid media” hanno oggi ancora una posizione dominante nello spending complessivo ma a tendere questo ruolo sarà ridimensionato: nei prossimi 5 anni, il 55% delle aziende investirà meno del 50% nei paid media, che saranno considerati sempre di più in una logica multicanale. Anche la loro gestione cambierà: per il 45% delle aziende investitrici, il ruolo degli intermediari nell’acquisto di spazi pubblicitari evolverà nel tempo lasciando sempre più spazio alle piattaforme di Programmatic Buying.
I big player della rete si confermano come partner fondamentali nelle strategie di comunicazione. E le attività strategiche quindi? La ricerca ha evidenziato che le aziende si stanno riappropriando del controllo diretto: secondo gli intervistati, il coordinamento strategico sarà per il 70% nelle mani delle imprese e per il 30% affidato alle agenzie.
Cresce l’importanza di quelle che erano una volta chiamate centrali media ma che, sempre più, risultano essere dei conglomerati di competenze diversificate nelle varie discipline della comunicazione. Il ruolo delle agenzie si conferma quindi cruciale: il 58% delle imprese ribadiscono che le agenzie rimangono i partner «privilegiati» e «stabili» per il coordinamento operativo di tutti i soggetti che, con competenze e funzioni diverse nella comunicazione, ruotano intorno all’azienda.
“I trend evidenziati dalla ricerca forniscono un chiaro indirizzo alle agenzie, che dovranno saper raccogliere la sfida – commenta Layla Pavone, Presidente del Centro Studi Assocom – I grandi gruppi di comunicazione dovranno proporre un servizio realmente integrato, le piccole agenzie avranno maggiori opportunità se seguiranno la strada della iperspecializzazione mentre le medie agenzie dovranno evolversi dotandosi di maggiori competenze e risorse attraverso la leva sul networking o della crescita organica. L’altra interessante evidenza riguarda i big player della rete, che le imprese vedono come partner e non solo come disintermediatori.”
E i new comers? Le aziende stanno effettivamente coinvolgendo i nuovi attori – system integrator, technology provider, società di consulenza – in progetti specifici, ad esempio di digital positioning, ma non li ritengono i loro partner privilegiati e stabili, una rassicurazione per il circa 50% delle agenzie intervistate che li considera come potenziali concorrenti ai tavoli di coordinamento operativo.
In sintesi, alle agenzie è richiesto allargamento delle competenze, visione strategica e operativa integrate, capacità di partnership in chiave di networking dinamico e di incubation di start-up innovative, oltre a nuovi strumenti fondamentali per la conoscenza dei consumatori, a cominciare dai Marketing Analytics & Big Data.

COMMENTI

Eventi